martedì, Novembre 30

Cina: donne in carriera al comando field_506ffb1d3dbe2

0

Donen cina carriera

La Cina ha un’alta percentuale di dirigenti e manager, e le donne stanno lasciando il segno nel mondo degli affari. Secondo una recente indagine,  il Paese è uno dei top 10 al mondo nella sua percentuale di donne membri del consiglio. Inoltre, le donne in Cina detengono più di un terzo delle posizioni di gestione aziendale, secondo il sondaggio pubblicato dalla Grant Thornton International, un’organizzazione leader nella contabilità globale.

Le donne occupano il 21 per cento delle posizioni nei consigli aziendali in Cina, battendo la media globale del 17 per cento, ha detto l’indagine, che ha visto la Cina classificarsi al nono posto tra 44 Paesi intervistati. La Thailandia è in cima alla lista con il 37 per cento, seguita dalle Filippine al 31 per cento. Italia e Russia insieme al terzo posto con il 29 per cento. Inoltre, le donne detengono il 38 per cento delle posizioni dirigenziali aziendali in Cina, rispetto al 24 per cento a livello globale, l’indagine ha rivelato. 

L’indagine ha interrogato 6.700 aziende in tutto il mondo, di cui 200 dal continente cinese. Dominic King, direttore della ricerca globale di Grant Thornton sostiene che l’indagine ha anche mostrato che le imprese statali hanno un record migliore delle aziende private e straniere in Cina per l’immissione delle donne in posizioni di rilievo. «Il concetto di “opportunità per tutti” è profondamente radicata nella società cinese e ha aumentato la parità di genere» ha detto. «La rapida urbanizzazione, permette più donne al lavoro, più ridotti gli oneri per l’infanzia derivanti dalla politica di pianificazione familiare».

Jiang Yongping, un ricercatore della Women Studies Institute della Cina, ha detto che è d’accordo con la veduta di King, aggiungendo che la politica di pianificazione familiare nelle aree urbane assicura anche che le ragazze ottengano la parità di accesso all’istruzione e altre risorse. Jiang sostiene anche che la società ha dimostrato la crescente fiducia nella capacità di gestione delle donne, e le donne leader sono spesso considerate più premurose e attente se confrontate con i leader di sesso maschile.

Ma anche se la Cina ha ottenuto notevoli progressi introducendo le donne nel mondo degli affari, è ancora indietro in termini di sostegno sufficiente per donne in carriera. Solo il 30 per cento delle aziende sul continente cinese consente orari di lavoro flessibili per donne in carriera con figli, rispetto al 63 per cento delle aziende di tutto il mondo. Meno di un terzo dei datori di lavoro nella Cina continentale forniscono vacanze non pagate in più durante il congedo di maternità per le madri di carriera, una cifra inferiore alla media globale. L’indagine ha inoltre rilevato che solo il 15 per cento delle imprese sulla terraferma offrono programmi di formazione che facilitano un percorso professionale per il sesso femminile verso i ruoli dirigenziali. Quasi sette società su 10 hanno ammesso di non aver mai considerato seminari di formazione su misura per le donne dipendenti.

Kathleen Chien, direttore operativo di 51job.com, un importante sito di reclutamento in Cina, ha detto che è importante per le donne a cercare aiuto quando ne hanno bisogno, sia a casa che sul posto di lavoro. «Tante donne cercano di prendere troppo senza chiedere aiuto. Sono spesso imbarazzate o si sentono in colpa per chiedere assistenza o trattamenti speciali». Secondo un’indagine di quest’anno, l’80 per cento dei dipendenti ha capi femminili, con un aumento dal 68,3 per cento nel 2013.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->