domenica, ottobre 21

Cina: completate le principali torri del primo ponte ‘a doppio uso’ In completamento il ponte a tecnologia avanzata della Cina: le torri sono state costruite

0

Ecco che il primo ponte della Cina che può essere utilizzato per il trasporto ferroviario ad alta velocità e come autostrada, il Wufeng Mountain Yangtze River Bridge è al primo traguardo raggiunto. Sono state completate, infatti, le torri. Il ponte è un punto di riferimento sia nel turismo che nelle avanzate tecnologie cinesi, di cui rappresenta solo un esempio.

Molte tecnologie sviluppate dapprima per un uso esclusivamente militare vengono, poi, applicate a campi diversi. Accade in tutto il mondo, ma uno degli esempi principali è quello della Cina. Proprio qui il binomio militare-civile conosce l’applicazione più avanzata; le tecnologie a duplice uso sono state ampiamente applicate nelle aree civili di tutto il Paese, inclusi importanti progetti infrastrutturali, pale eoliche, apparecchi e strumenti medici a prezzi accessibili come lo stent cardiaco.

Prima la misteriosa tecnologia militare era una cosa a sé; ora è diventata parte della vita quotidiana delle persone. Infatti, il 70% dei prodotti fabbricati da imprese militari in Cina sono destinati all’uso civile, secondo l’Amministrazione statale della scienza, della tecnologia e dell’industria per la difesa nazionale.

Mentre la Cina continua ad attuare la strategia di integrazione militare-civile, sempre più imprese militari sono diventate note per aver applicato le loro tecnologie all’avanguardia nella produzione di costruzioni civili. Ecco, ad esempio, i ponti.

Grazie, ad esempio, ai ‘cuscinetti’ fabbricati in una fabbrica militare nella Cina centrale, il ponte marino più lungo del mondo è stato costruito sopra le acque più movimentate della Cina meridionale. I cuscinetti, o ‘giunti’ che collegano il molo e il corpo del ponte, sono cruciali anche per la qualità e la durata del ponte Hong Kong-Zhuhai-Macao di 55 chilometri.

Il fornitore di questi elementi, è la Luoyang Sunrui Special Equipment Co., una filiale di Luoyang Ship Material Research Institute della China Shipbuilding Industry Corporation, che fornisce supporto tecnologico per le navi da guerra cinesi. Molte tecnologie sviluppate dall’istituto sono state applicate a diversi progetti in chiave nazionale, come il sommergibile sommerso ‘Jiaolong’ con equipaggio da record, la prima portaerei cinese ‘Liaoning’ ed il primo ancoraggio spaziale con equipaggio per la navicella spaziale ‘Shenzhou-9’ ed il primo laboratorio spaziale ‘Tiangong-1’.

Un’altra azienda utilizza un aerogel nanometrico di un millimetro come materiale isolante termico per gli stivali invernali. Il materiale è stato utilizzato sui gasdotti dei razzi ‘Long March-5’ e per gli armadi microtermici della nave spaziale ‘Tianzhou-1’.

La China Aerospace Science and Technology Corporation (CASIC) ha collaborato con la National Library of China ed il National National Books Protection Center per applicare le tecnologie astronautiche alla protezione dei libri antichi. Più di 2.000 tecnologie aerospaziali sono state applicate a vari settori dell’economia nazionale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore