martedì, Ottobre 19

Cina alla conquista del Sudafrica a colpi di miliardi Ben 26 i documenti di cooperazione firmati tra le parti per un totale di 6,5 miliardi di dollari

0

Continua il viaggio in Africa del presidente cinese Xi Jinping. Dopo la visita in Zimbabwe, eccolo sbarcare in Sudafrica per parlare con l’omologo Jacob Zuma. Un rapporto quello tra Cina e Sudafrica ormai consolidato nel tempo, ma che è pronto per nuovi obiettivi. «Entrambe le parti ritengono che dobbiamo trattare e promuovere la cooperazione bilaterale dal punto di vista della strategia del lungo termine, comprendendo e appoggiandoci reciprocamente nelle questioni di grande preoccupazione», si legge nel comunicato congiunto. «Le due parti hanno deciso di accelerare l’attuazione della Pianificazione Strategica di Cooperazione per 5-10 anni tra Cina e Sudafrica, di promuovere il lancio dei frutti della cooperazione nei campi di regioni speciali economiche, economia marittima, capacità produttiva, fonti energetiche, infrastrutture e sviluppo di risorse umane in modo da favorire le popolazioni dei due Paesi».

Xi Jinping ha affermato durante il colloquio che la Cina intende aiutare il Sudafrica nel campo finanziario e non solo. Ben 26 i documenti di cooperazione firmati tra le parti per un totale di 6,5 miliardi di dollari, ma i due Paesi sperano al più presto di allargare questa ‘alleanza’ anche nei campi scientifico e tecnologico, di fonti energetiche, pesca e aviazione civile. La Cina collaborerà alla costruzione di un impianto di produzione di automobili che sorgerà entro la fine del 2017 e fornirà un prestito da 2,5 miliardi di dollari alla Transnet, la società di Stato attiva nella logistica.

Ma la Cina vuole di più. Nel prossimo summit di Johannesburg del Forum sulla cooperazione sino-africana (FOCAC), sarà dato il via ad una pianificazione sulla cooperazione per i prossimi tre anni, per aiutare il processo di industrializzazione e modernizzazione agricola del Continente.

(video tratto dal canale Youtube di Al-Jazeera English)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->