lunedì, Maggio 10

Cile: enorme iceberg si è staccato dal ghiacciaio nella Patagonia centrale Forse causato dell'innalzamento della temperatura sulla Terra, creerà problemi alla navigazione e aumenterà il livello delle acque dei fiumi

0

Un grande iceberg si è staccato dal ghiacciaio che ricopre la punta meridionale cilena.  Non sarebbero ancora note le cause esatte del suo distacco. Gli esperti sarebbero concordi nell’ affermare che si tratterebbe di una conseguenza dell’innalzamento della temperatura sulla Terra. Le statistiche riporterebbero “una tendenza ad un aumento di 2 gradi ogni 100 anni, ridotto adesso a 20 anni”. Questo è il problema che si sta cercando di combattere con l’ accordo di Parigi, fortemente appoggiato dagli Stati Uniti di Barack Obama e dalla Cina.

A postare la foto dell’ iceberg sui social network, il servizio forestale della Conaf, il Centro responsabile del parco. Di colore bianco-azzurro, le sue dimensioni sono gigantesche: è largo 380 metri lungo 350 e alto 28. Galleggia alla deriva nelle acque del Lago Grey che ha un raggio di 13 chilometri che si trova nei pressi della provincia di Ultima Esperanza, in Patagonia centrale, in corrispondenza dell’ ovest della Cordigliera del Paine. 

Un notevole impatto potrebbe avere questo evento sulla navigazione, rendendola difficoltosa oltre che pericolosa. Tra l’altro, con il passare del tempo. lo scioglimento della massa dell’ iceberg comporterà l’ aumento del volume di acqua nei fiumi che giungono fino al mare e quindi contribuirà al suo innalzamento. E pensare che c’è qualcuno che vuole tornare al carbone….

(Video tratto dal canale Youtube euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->