domenica, Maggio 9

Ciclismo: è morto Michael Goolaerts «E' morto per arresto cardiaco, assistito dai familiari e da chi lo amava» scrive la sua squadra, la Vérandas Willems-Crelan, su twitter.

0

E’ morto ieri alle 22:40 per arresto cardiaco Michael Goolaerts. Durante la Parigi-Roubaix, il corridore belga di soli 23 anni, accasciatosi in seguito ad un malore, era stato subito soccorso e trasportato all’ospedale di Lille dove, però, ha perso la vita. «E’ morto per arresto cardiaco, assistito dai familiari e da chi lo amava» scrive la sua squadra, la Vérandas Willems-Crelan, su twitter.

La Gendarmerie francese ha aperto un’inchiesta. Alcuni agenti sarebbero stati visti salire sul bus del suo team, “per verificare lo stato delle biciclette”.

Goolaerts era stato scelto come stagista due anni fa dalla Lotto Soudal, che, però, non rinnovò il contratto. A quel punto, entrò nella squadra fiamminga Vérandas Willems Crelan. «Non immaginavo che il professionismo fosse così duro. Io fatico anche solo a tenere il ritmo del gruppo». Già nel 2011, al Giro d’ Italia, Wouter Weylandt mori’ esser caduto nella discesa del Passo del Bacco mentre nel 2016 un altro corridore belga di 25 anni Antoine Demoitie’, era morto dopo essere stato investito, in seguito ad una caduta.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->