venerdì, Maggio 14

CIA: l’importanza di uccidere i leader dell’ISIS

0
1 2


di Jassim Mohamed, Beirut – L’ISIS si trova a organizzare delle operazioni volte a eliminare alcuni dei suoi membri e leader di seconda o terza linea. Tuttavia, come previsto dalla CIA, l’organizzazione continua a essere attiva nonostante la sua regressione: ha messo in atto una nuova politica contro i dissidenti basata su azioni di sorveglianza e indagini per tenerli sotto controllo. Ciò in seguito alla sparizione di alcuni elementi dell’organizzazione in Siria e in Iraq, operazioni di liquidazione che hanno portato a un clima di preoccupazione, favorendo l’insorgere di una mancanza di fiducia al suo interno. Ciò soprattutto dopo l’abbandono da parte di numerosi membri, forse anche di qualche leader, e la loro fuga attraverso la Turchia.

Nonostante la sua debolezza, l’organizzazione ha portato avanti con successo la sua espansione dopo l’invasione del Mosul nel mese di giugno 2015 e l’uccisione di Hajj al-Bakr, la seconda persona più importante dell’organizzazione, continuando a superare i colpi inferti delle alleanze occidentali. A essere presi di mira sono forse i cosiddetti leader di terza linea, cosa che potrebbe cambiare le carte in tavola per l’intelligence americana che continua a preoccuparsi della mancanza di informazioni sulla leadership dell’ISIS. Si potrebbe affermare, ma è forse un’esagerazione, che questo rimane per la direzione americana tra i suoi obiettivi principali.

Di seguito alcune tra le più importanti operazioni di soppressione ai danni di membri dell’organizzazione:

  • Il portavoce americano annuncia nel mese di luglio che il capo dell’organizzazione Ansar Al-Shariyya, conosciuto con il nome di Abu Iyad, è rimasto ucciso durante un’incursione aerea volta a colpire l’algerino Mukhtar Belmukhtar in territorio libanese nel mese di giugno.
  • Due leader militari dell’ISIS a Deir az-Zour in Siria sono fuggiti in Turchia il 5 luglio attraverso zone poste sotto il controllo dell’organizzazione Jabhat al-Nusra. I due dissidenti, secondo fonti vicine all’organizzazione, sarebbero Omar al-Naklawi Abu Mahmud, da due anni a capo del gruppo Jund al-Rahma, e Omar al Hadawi, il leader legittimo, avanzato in seguito all’interno dell’organizzazione.
  • Il giornale britannico ‘Daily Mail‘ e i giornali iracheni hanno reso noto il 3 luglio che il capo dell’organizzazione Abu Bakr al-Baghdadi ha giustiziato 30 leader che avevano progettato il suo assassinio un mese prima, rivelando inoltre che tra loro vi erano cinque leader del consiglio della shurà. Tra i leader giustiziati alcuni siriani, altri provenienti dal nord Africa, dallo Yemen, Kuwait e Cecenia.
  • Il ministero della Difesa americano ha annunciato il 22 giugno l’uccisione del leader dell’ISIS Tariq bin al-Tahar al-Harzi durante una precedente incursione aerea sulla città di Mosul, nel nord dell’Iraq. Al-Harzi era responsabile del reclutamento di combattenti in nord Africa e a capo dei combattimenti in Siria e Iraq.
  • A metà maggio 2015 il Pentagono ha annunciato che il comando di forze speciali ha portato a compimento l’assassinio del leader Abu Sayyaf attraverso un raid aereo partito dall’Iraq. Si tratta della prima operazione speciale effettuata dagli Stati Uniti senza preavviso in territorio siriano.
  • Fonti dell’intelligence curda parlano di informazioni trapelate attraverso i social network circa la fuga del leader Dayshi Suwudi dopo l’inasprimento dei contrasti tra i membri dell’organizzazione che hanno portato al fallito colpo di stato ai danni di al-Baghdadi. Citando il portavoce del partito democratico curdo Sayed Mamuzini: «l’ISIS ha nominato un nuovo capo per l’area di Mosul, un francese di nome Abd al-Rahman al-Faransi, vicino ad al-Baghdadi, scatenando polemiche tra i membri dell’organizzazione di nazionalità araba».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->