domenica, Settembre 19

CIA, le previsioni giuste (e sbagliate) sul 2015 Nel lontano 2000 una serie di esperti stilarono un rapporto sul futuro di vari settori

0

Nel lontano 2000 in tanti si affrettavano a immaginare il futuro che si sarebbe realizzato da lì a qualche decennio. Ad intervenire addirittura la CIA, che aveva convocato un gruppo di esperti esterni all’Agenzia per analizzare il mondo da lì al 2015.
Un’analisi semplice e stringata? Neanche per sogno: ben 70 le pagine del rapporto stilato, che andava dalla crescita delle nanotecnologie agli shock petroliferi e al cambiamento demografico.
Diversi i punti in cui gli esperti della CIA hanno visto giusto, come il fatto che tensioni etniche e religiose avrebbero continuato a guidare i conflitti nelle Nazioni in cui la governance è scarsa, la rivoluzione tecnologica (vedi lo sviluppo di pc, tablet e smartphone), la crisi demografica dell’Occidente.
Ma altre previsioni sono state completamente sbagliate, o quantomeno non si sono realizzate in maniera piena come previsto: vedi il cibo con animali clonati, la pacificazione della Corea e la conseguente unificazione, la non risalita a ruolo di superpotenza della Russia, il grande periodo della finanza mondiale.
Ecco un video che fa il riassunto delle previsioni, giuste e sbagliate, fatte dalla CIA.

 

(Video tratto dal canale Youtube del ‘The Telegraph‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->