giovedì, Settembre 16

Archeologia: chi sono i ‘due fratelli’? Le mummie dei "Due Fratelli" , di 4000 anni avevano la stessa madre ma diversi padri.

0

Gli scienziati britannici hanno confermato che un paio di mummie egiziane che si pensava fossero fratelli, erano in realtà fratello e sorella. Questo è il risultato di una ricerca pubblicata sul Journal of Archaeological Science. Le mummie dei “Due Fratelli , di 4000 anni avevano la stessa madre ma diversi padri. Sono datate intorno al 1800 aC ed appartengono a uomini di alto rango denominati Khnum-nakht e Nakht-ankh dell’età dell’antico Egitto durante la dinastia degli XII anni e furono trovati nel 1907.

Il sito di sepoltura congiunto della coppia fu scoperto a Deir Rifeh, un villaggio a 402 chilometri a sud del Cairo.Quando il contenuto completo della tomba fu spedito a Manchester nel 1908 e le mummie di entrambi gli uomini furono scartate dall’egittologa Margaret Murray, Il suo team aveva concluso che le morfologie scheletriche erano piuttosto diverse, quindi appartenenti a famiglie diverse.

Nel 2015, il DNA è stato estratto dai denti e, in seguito alla cattura di ibridazione delle frazioni di cromosoma mitocondriale e Y, e l’ esito sentenziò che appartenevano all’aplotipo mitocondriale M1a1, suggerendo, dunque,  una relazione materna. Le sequenze cromosomiche Y erano meno complete ma mostravano variazioni tra le due mummie.

(Video tratto dal canale IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->