mercoledì, Agosto 4

Chi copia chi? L'ossessione di 'Lightman' field_506ffbaa4a8d4

0

Il Poeta inglese, scrittore creativo e docente universitario, Ira Lightman, è ossessionato dalla ricerca dei plagiatori. Chi copia chi? L’elenco è lungo e formato, secondo l’artista, da grandi ed illustri nomi ai quali, rivolge l’invito a scusarsi pubblicamente. L’intellettuale lo fa pavoneggiandosi dal palchetto del pub a New Castle travestito da detective molto speciale. Se ‘cita non è una scimmia’, ma la forma più onesta di riportare le fonti di ciò che si va scrivendo, il plagio è un prendere in prestito il lavoro altrui attribuendosene la paternità. Un vero e proprio furto di identità, secondo Lightman. Così, questo bizzarro detective ha deciso, da tre anni a questa parte, di tramutarsi nel segugio dei plagiatori, sfruttando tutte le tecniche di ricerca offerte dalla scienza forense. Una persecuzione per i malcapitati, che vengono colti sul fatto, ‘in flagranza di reato’. Una sciagura, e un incubo per poeti di un certo calibro tacciati da Ira di aver scritto dei testi per il 90% simili a quelli prodotti da un altro. Beccato, ad esempio, con le mani nella marmellata un aspirante poeta che si definiva di sinistra, ma si scopre aver pubblicato un’opera simile ad uno scrittore di destra. Il messaggio del docente è, sarebbe proprio il caso di dire, di una chiarezza accecante. E chi credesse di poterla farla franca, è tanto che spacciato davanti un investigatore così accanito, che ha fatto della lotta al plagiarismo una missione di vita.

(Servizio video ripreso dal canale ‘You Tube‘ della emittente ‘Channel 4 News‘)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->