domenica, Settembre 26

Chernobyl e la città fantasma Il 26 aprile di 30 anni fa la più grande tragedia nucleare della storia

0

Tutto sembra essersi fermato a quel 26 aprile di 30 anni fa a Pripyat, la cittadina a tre chilometri da Chernobyl dove il reattore 4 della centrale andò in avaria a causa di un improvviso sovraccarico di energia per poi diventare il più grave incidente nucleare della storia. La situazione è quella di una città fantasma, con scuole ancora piene di libri e cartine, piazze con giochi ormai arrugginiti, case disabitate ma ancora piene di ogni bene. Il tempo a Pripyat, cittadina sovietica al confine tra Ucraina e Bielorussia, si è fermato, ed ecco arrivare nuove spettacolari immagini, che raccontano di una vita che fu e non è più stata per migliaia di persone. A giovarne, se così si può dire, è la natura, che piano piano si è rimpossessata, centimetro dopo centimetro, dello spazio tolto dal cemento, simbolo dell’urbanizzazione dell’uomo. Nonostante l’alto tasso di radioattività, gli animali proliferano come non mai nella zona. Un fenomeno questo che ha stupito gli studiosi.

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->