sabato, Aprile 17

Che fine ha fatto Nichi Vendola? field_506ffbaa4a8d4

0

Nell’ultima manciata di giorni in questo maggio 2016 sono scomparsi in sequenza, esattamente ad una settimana uno dall’altro, Marco Pannella (giovedì 19) e Loris Capovilla (giovedì 26). Rimpianto generale su questa terra, magari il primo ‘religioso’ ha aspettato l’altro per dirigersi assieme chissà dove sul diverso versante. Parallelamente però registriamo, temiamo da soli ed anche questo è significativo, la ‘scomparsa’ che ormai data da ben tre mesi di Nichi Vendola. Non se ne hanno pubbliche tracce dopo l’annuncio della paternità surrogata realizzata negli Stati Uniti assieme al compagno Eddy Testa grazie agli ovuli di una nordamericana ed al ventre di una indonesiana, portata a compimento con la felice nascita di Tobia Antonio il 27 febbraio scorso.

Da allora e dopo qualche giorno di polemiche volgarucce anzichenò, con dignitose risposte di Vendola e Testa, non se ne hanno più notizie. Nonostante il trascorrere dei giorni e l’incalzare di vicende politiche nazionali, internazionali, transnazionali, ed il correre della campagna per le Elezioni comunali di domenica 5 giugno. Anche con la ridefinizione di un possibile nuovo soggetto di sinistra, di cui Vendola era stato sino a non troppo tempo fa stella polare di riferimento, essendo oltretutto ancora Presidente (latitante) della sua ‘Sinistra Ecologia Libertà’. E se continuiamo a vivere in ciò che rimane dopo di noi, deve essere duro notare da vivi, vivissimi e giovani visti i suoi cinquantasette anni, come il mondo e ancor più quel mondo di cui siamo stati protagonisti vada avanti benissimo anche senza di noi, anzi che della nostra presenzaassenza in vita neppure se ne accorga.

Il 31 maggio, praticamente ora, sarà un anno dalle Elezioni regionali del 2015 anche in Puglia, il 26 giugno sarà pure un anno del passaggio di consegne tra Vendola ed il suo successore alla guida della Regione, Michele Emiliano. Persino di questo quasi nessuno si accorge e ricorda. L’interrogativo su che fine abbia fatto Nichi Vendola non è di quelli epocali, si può benissimo continuare a vivere senza scioglierlo. Ma così, giusto per dire e sapere, ed interrogarsi su come velocemente trascorra l’attenzione del mondo e dello strapaese delle meraviglie

 

E, dunque, in questo Maggio 2016

da Lunedì 23 a Venerdì 27

Lunedì 23

Martedì 24

Mercoledì 25

Giovedì 26

Vivo, vivissimo rammarico generale per la scomparsa (nel senso di assenza di vita) di Loris Capovilla, sacerdote che fu caro Segretario di Angelo Roncalli, poi divenuto (Roncalli) Papa Giovanni XXIII.  

Venerdì 27

Vivo, vivissimo disinteresse generale per la scomparsa (nel senso di assenza in vita) di Nichi Vendola, politico che fu caro Segretario di Sel, poi divenuto (Vendola) Governatore della Puglia.  

 

E poi

Sabato 28 e Domenica 29

Sabato e domenica. Scialiamocele in omaggio ad Andrea Camilleri che ha appena ‘compiuto’ i suoi primi 100 libri, giovedì 26 maggio con ‘L’altro capo del filo‘, e lo scorso 6 settembre 2015 i suoi primi 90 anni.

 

E la prossima settimana

da Lunedì 30 Maggio a Domenica 5 Giugno

Ultima settimana di campagna per le Elezioni amministrative comunali. E domenica si vota.

 

Ed anche maggio se n’è quasi andato, e c’è chi resta e c’è chi ci ha lasciato. Purtroppo in qualche caso e per fortuna in altri, non torneranno mai più. Maggio e loro.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->