lunedì, Ottobre 18

Che cos’è lo ‘stress test’?

0

La parola ‘stress test‘ ci suggerisce già gran parte del suo significato. Nella terminologia finanziaria, in particolare, questo è uno strumento preciso e ‘responsabile’ con cui è possibile condurre un’analisi per determinare la capacità di un determinato strumento finanziario o istituto finanziario di affrontare una crisi economica. Invece di condurre fare previsioni secondo una ‘stima’, una società può fare un test sullo stress, per appurare la sua robustezza e la sua resistenza dinanzi ai momenti ‘critici’, mediante la simulazione di diversi scenari economici e finanziari.
Questo tipo di analisi, oggi, è diventata sempre più diffusa, ripresa inoltre da vari organi governativi (come il PRA nel Regno Unito e il Fondo monetario internazionale), al fine di garantire un adeguato livello di allocazione del capitale a coprire le potenziali perdite subite durante gli eventi estremi, plausibili e prevedibili. Il test permette non solo la valutazione dei singoli fattori di stress, ma anche le possibili combinazioni di diversi eventi, tenendo presenti anche effetti e variabili di uno scenario storico noto, del passato.

Oggi, molti analisti ed economisti sostengono lo ‘stress test’, in quanto più efficace nel valutare la fragilità di una banca e nel fornire degli indicatori di sensibilità, rispetto ai cambiamenti delle condizioni economiche.

(Video tratto dal canale Youtube: Financial Times)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->