domenica, Agosto 1

Chavez, l’uomo che trasformò il Venezuela

0

Molte personalità provenienti da diversi Paesi hanno ricordato Hugo Chavez ieri, giovedì 28 luglio. Il compianto 60° Presidente del Venezuela, nonché leader della Rivoluzione Bolivariana, avrebbe dovuto compiere 62 anni. Le celebrazioni si chiuderanno domenica 31 nel cuore della capitale Caracas e in questi giorni si alterneranno diverse manifestazioni e concerti in memoria di Chavez. Non sono mancate le dichiarazioni dell’attuale Presidente Nicolás Maduro: «Comandante Chavez, la tua gente oggi, celebra la vita, festeggia i 62 anni della tua nascita, confermando l’impegno per costruire il Paese bolivariano socialista rivoluzionario che sognava». Anche il Presidente del Bolivia Evo Morales ha mandato il suo messaggio di ricordo: «62 anni fa è nato Hugo Chavez, che ora riposa in pace. Ha fatto la Storia, condividiamo il messaggio del popolo venezuelano: sarà un comandante eterno. Chavez ha rappresentato i popoli antimperialisti e ha lavorato per i più poveri».

A Caracas è arrivata anche l’ex Presidente dell’Argentina Cristina Fernandez Kirchner, che ha dichiarato: «Hugo credeva nell’infinita forza del popolo. E non voglio ricordarlo solo come un leader politico. Come essere umano è stato un importante collegamento e vorrei ricordare che ci ha aiutato, quando tutto il mondo ci aveva lasciato indietro. Senza il suo aiuto sarebbe stato impossibile prendere i primi passi e lanciare il Paese argentino». A proposito di Argentina, proprio due giorni fa ha fatto parecchio discutere la scelta del Presidente argentino Mauricio Macri di smantellare la sala dedicata al compianto Presidente venezuelano (voluta proprio dalla Kirchner in onore del lavoro di Chavez sull’integrazione dei Paesi latino-americani), costringendo i delegati di Caracas a recuperare il materiale per strada e trasferirlo in ambasciata. Oltre a ciò, Macri aveva anche rimosso l’immagine dell’ex Presidente Nestor Kirchner e quella di Che Guevara, generando non poche opposizioni.

(video tratto dal canale Youtube di telesur TV’)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->