giovedì, Maggio 6

CES 2018: un cavatappi tech per bere vino senza stappare la bottiglia Il 'Model Eleven' di 'Coravin' è anche connesso ad internet, con un'applicazione

0

Bere un bicchiere di vino senza stappare la bottiglia? E’ questa la particolarità di ‘Coravin‘ , un cavatappi all’ avanguardia, prodotto negli Stati Uniti.  Inventato da Greg Lambrecht, un medico della California, attraverso un ago molto sottile e al gas Argon contenuto in una boccetta, permette di versare liberamente il vino senza togliere o danneggiare il tappo di sughero, non rovinando, magari, una pregiata bottiglia, soprattutto se non si è intenzionati a berne l’ intero contenuto.

«Il gas entra nella bottiglia e sostituisce il liquido versato. In questo modo, il vino non subisce alcuna alterazione di gusto e rimane fresco e in grado di durare anni, come se non lo avessimo mai aperto», ha spiegato Beth Tuck in occasione della presentazione del cavatappi al Consumer Electronics Show (CES) che si ètenuto a Las Vegas.

Il modello presentato al forum è il ‘Model Eleven‘, una versione più recente del cavatappi già in commercio: a contraddistinguerla, la connessione a Internet del dispositivo di chiusura in sughero che produce per conservare il vino in bottiglia. Collegando il modello Eleven ad un’ applicazione, l’ azienda produttrice ha incluso, tra le funzionalità, quella di abbinare annate con album rock classici.

(Video tratto dal canale Youtube BBC News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->