martedì, ottobre 23

CES 2018: Selfly, quando lo smartphone si trasforma in drone A presentarla in pompa magna a Las Vegas la AEE Aviation Tecnology. Il prezzo sarà di 130 dollari

0

Tra le novità del CES 2018 ci sono alcuni gadget interessanti. In particolare una custodia, chiamata Selfly, che trasforma uno smartphone in un drone. A presentarla in pompa magna a Las Vegas la AEE Aviation Tecnology.

Selfly è un drone che si aggancia alla parte posteriore e include una fotocamera in grado di registrare, effettuare dirette streaming e scattare foto in 1080p e registrare filmati a 60fps, grazie ai molti sensori Sony. Il case è spesso poco più di un pollice, stile ad un Otterbox, e si adatta ai recenti dispositivi Apple ed Android. A livello software, Selfly include una funzione che consente di farlo volare stabilmente ad una stessa altezza e bloccarlo in volo, per evitare tremolii. Il drone è controllabile attraverso un joystick o il metodo point-and-fly.

Ci si aspetta Selfly sul mercato durante i primi mesi dell’anno e il costo dovrebbe essere di circa 130 dollari, con l’hub di ricarica che dovrà essere acquistato separatamente a 30 dollari. L’autonomia garantita però è di soli cinque minuti, quando la carica il completa.

(video tratto dal canale Youtube di USA TODAY)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.