sabato, Maggio 15

CES 2016: perché Netflix è così 'smart'? Reed Hastings, CEO di Netflix, parla di tale tv on demand al CES 2016 di Las Vegas

0

In questo video Reed Hastings, co-fondatore e CEO di Netflix,  svela quali nuove prospettive si apriranno a breve per gli utenti di tale tv in streaming e on-demand dalla rete in occasione del CES 2016 di Las Vegas. Il CES è la più grande esposizione di oggetti tecnologici e tecnologie digitali in aiuto all’uomo (6-9 gennaio a Las Vegas). In questo breve contributo al CES 2016 si rivela in che modo Reed Hastings realizzò Netflix, la recente tv di contenuti streaming in rete, anche grazie alla collaborazione di Ted Sarandosal, Chief Content Officer. Dalla sua nascita Netflix è diventato uno strumento ‘smart’ fondamentale per la visione della televisione on-demand ed è stato reso disponibile quasi in tutto il mondo (tranne in Cina, dove Hastings spera di trovare un accordo per lanciare tale tv streaming al più presto). A partire dal suo lancio come tv, milioni consumatori in tutto il mondo si sono affidati a tale tecnologia per guardare spettacoli televisivi e film, disponibili su qualsiasi dispositivo (tranne poche eccezioni), in qualsiasi punto del mondo e trasmessi da qualsiasi emittente. Reed Hastings svela le novità che tale tecnologia ‘smart’ e affidabile  di contenuti tv da vedere connessi alla rete dei dispositivi o al wi-fi di casa e le serie che passeranno su Netfix [che vedono anche la partecipazione degli attori Chelsea Handler (‘Chelsea Fa …‘), Will Arnett (‘Arrested Development‘, ‘Bojack Horseman‘), Krysten Ritter (‘Marvel Jessica Jones‘), e Wagner Moura (‘Narcos‘)], spiegando in che cosa consiste il valore ‘smart’ di tale tecnologia che è quindi facilmente accessibile in quasi ogni parte del mondo.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Netflix US & Canada’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->