martedì, Aprile 20

C’è la Francia dietro la morte misteriosa del Segretario ONU Hammarskjold di 56 anni fa? E' quanto riferisce il britannico 'The Guardian' che ha visto le carte dell'inchiesta riaperta dalle Nazioni Unite

0

La tragica e misteriosa morte del Segretario Generale dell’Onu, lo svedese Dag Hammarskjold, deceduto il 18 settembre 1961 con altre 15 persone a bordo del suo Dc6 precipitato in Zambia, mentre era in missione per trovare una soluzione alla crisi aperta dalla provincia secessionista congolese del Katanga, appoggiato dalla Francia, fu dovuta ai colpi sparati da un aereo da guerra. Un caccia a reazione di fabbricazione francese, Fouga Cm-170 Magister, pilotato da mercenari al soldo del Governo secessionista di Moise Ciombe, che non accettava le interferenza delle Nazioni Unite.
E’ quanto riferisce il britannico ‘The Guardian’ che ha visto le carte dell’inchiesta riaperta dall’Onu -la versione ufficiale dell’inchiesta britannica dell’epoca, tesa ad insabbiare lo scandalo, parlò di un errore del pilota, mentre l’inchiesta delle Nazioni Unite non giunse ad una conclusione per mancanza di collaborazione ed elementi- fatta avere lo scorso mese all’attuale ‘numero uno’ del palazzo di vetro, Antonio Guterres.

Inchiesta gestita da Mohamed Chande Othman, ex capo della magistratura della Tanziania, secondo il quale, tra l’altro il Regno Unito e gli Usa conoscono il segreto della morte di Hammarskjold perchè entrambi avevano schierato ingenti forze di intelligence e intercettavano tutte le comunicazioni dell’area. Negli archivi degli 007 di Londra e Washington c’è la chiave di questo doloroso mistero vecchio di 56 anni. L’inchiesta di Othman ha accertato che i francesi nel febbraio del 1961 avevano segretamente fornito al Katanga 3 caccia Fouga. Nuove prove sono emerse sul racconto del diplomatico di Parigi, Claude de Kemoularia, che nel 1967 ascoltò da un pilota mercenario belga, conosciuto come Beukels, la confessione che era stato lui a sparare colpi d’avvertimento contro il Dc6 Onu di Hammarskjold ma solo per spaventarlo. Invece i colpi centrarono l’ala e fecero schiantare al suolo il quadrimotore in fase di atterraggio.

Nel video, l’ ultima partenza del Segretario Generale con il suo Dc6 che precipiterà in Zambia.

(Video tratto dal canale Youtube HammarskjoldProject)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->