Navigazione: Speciale Venezuela di Maduro

Nicolás Maduro: il ‘caudillo’ e la sfida di Washington L’attentato degli scorsi giorni finirà da un lato per consolidare la retorica antistatunitense di Caracas, dall’altro per favorire la presa del madurismo
di

La globalizzazione economica promossa dalle autorità statunitensi e simbolicamente associata agli Stati Uniti, alla loro economia e alla loro cultura è, infatti, la negazione strutturale della via nazionale allo sviluppo sulla quale si fonda la retorica ‘bolivariana’

Venezuela: fra le elezioni e due poteri opposti Il 20 maggio dovranno svolgersi le contestatissime elezioni presidenziali in Venezuela. In quale contesto avverrà questa consultazione elettorale?
di

Con ogni probabilità, tuttavia, l’appello dei ‘diablos en sotana’ verrà ignorato e il 20 maggio le elezioni presidenziali venezuelane, pur essendo dai più boicottate, ignorate, ritenute farsesche quando non apertamente incostituzionali e illegali, si svolgeranno

Venezuela: il regime di Maduro sull’ orlo del default Quali sono le conseguenze? Quale la possibile soluzione? Quale il ruolo di Russia e Cina? A rispondere Antonella Mori
di

L’ Agenzia di Rating Standard&Poor’s ha annunciato il ‘default’ selettivo’ del Venezuela per il marcato rimborso di 200 milioni di dollari bond. Ad accorrere in soccorso di Caracas, Mosca che, proprio ieri, ha sottoscritto una ristrutturazione del debito che il Venezuela ha con la Federazione Russa:

Ue: posizione miope sul Venezuela
di

“C’è qui una convergenza, volta a delegittimare l’attuale governo Maduro. Ci si augura che in questo contesto il governo abbia anche la capacità di riprendere un processo inclusivo nei confronti degli elettori che sono rimasti fuori”

Venezuela, le tappe della crisi
di

Tutto è cominciato proprio il 29 marzo, quando la Corte Suprema ha annunciato a sorpresa la decisione di avocare a sè i poteri del Parlamento. Da allora manifestazioni giornaliere e situazione in stallo

Venezuela: la crisi rischia di esplodere
di

Il Ministro degli Esteri dichiara che l’unico modo che gli Usa hanno per imporre al Paese le proprie decisioni è tramite l’invio dei marines. Di certo, la scomparsa di Chávez ha privato il movimento di una guida carismatica che riuscisse a tenere assieme l’ala intransigente e quella pragmatista del movimento bolívarista