Navigazione: Speciale Turchia di Erdogan

Turchia-Usa, un rapporto sempre più complicato
di

Trovare un accordo che permetta ai rapporti già abbastanza tesi fra Washinghton e Ankara di reggere, richiederà tempo e un concreto impegno diplomatico. In caso contrario le difficili relazioni tra le due parti continueranno ad incidere sulle decisioni degli USA in Medio Oriente ed Europa

Turchia, ad Ankara l’Europa non serve più
di

Erdogan ha accolto in maniera più che positiva l’elezione di Trump, visto come un elemento di discontinuità dalla politica di Obama, abbastanza critica nei confronti della sua Amministrazione. E, al contrario dei vari leader europei – Viktor Orban a parte – Trump è stato tra i primi a chiamare per telefono Erdogan in seguito al referendum

‘Erdogan non lo ferma più nessuno’
di

‘E dopo aver tolto di mezzo chi lo ostacola, il 2018 sarà l’anno effettivo in cui il partito lavorerà per il Paese, in vista delle prossime elezioni del 2019’. ‘Questo gruppo è la dimostrazione del fatto che l’Akp agisce secondo le proprie regole. Non vedremo mai più elezioni eque fino a quando loro saranno al potere’

Genocidio degli armeni, trovata la ‘pistola fumante’
di

Difficile, quasi impossibile che Erdogan volti pagina in questo senso, così come lo stesso Presidente americano Donald Trump, come riconosce in una intervista rilasciata al ‘New York Times’ lo stesso Akcam, visto che gli Stati Uniti sono preoccupati di non inimicarsi un alleato Nato fondamentale in Medio Oriente.

Caso Del Grande, si muovono Italia e Ue
di

Mogherini: ‘L’azione dell’ambasciatore italiano ad Ankara’. Tajani: ‘La Turchia deve rispettare la libertà di stampa se vuol far parte dell’Unione europea’. Usa confermano: portaerei Uss Carl Vinson va verso la Corea del Nord