domenica, Settembre 19

Catalogna: stop alla seduta del Parlamento di lunedì Kurdistan, Macron ad al-Abadi: 'Pronto a fare da mediatori'. Erdogan: 'Turchia, Iran e Iraq pronti a sanzioni'

0
1 2


Spostandoci ancora più a Est, il governo del Giappone ha acquistato 56 missili a media gittata dagli Stati Uniti per fronteggiare la minaccia proveniente dalla Corea del Nord. A darne annuncio il Dipartimento di Stato americano, spiegando che la dotazione dei missili avanzati aria-aria a medio raggio AIM-120C-7 «servirà al Giappone a munirsi di importanti capacità di difesa per garantire la sicurezza del proprio territorio e la protezione del personale militare Usa». SI parla di una spesa vicina ai 113 milioni di dollari.

Accuse forti di Amnesty International contro i governi europei. In un rapporto si parla dell’aumento del numero dei rimpatri e si accusa l’Europa «di aver messo a rischio la vita di migliaia di afghani attraverso il rimpatrio forzato nel loro Paese». Secondo Amnesty, «proprio mentre il numero delle vittime civili in Afghanistan ha raggiunto livelli record, i governi europei stanno aumentando i rimpatri forzati di richiedenti asilo esattamente nei luoghi da cui erano fuggiti, in flagrante violazione del diritto internazionale». Il rapporto «racconta le storie orribili di afghani rimpatriati da Germania, Norvegia, Olanda e Svezia e che sono stati uccisi, sono rimasti feriti in attentati o sono costretti a vivere nella costante paura di essere perseguitati a causa del loro orientamento sessuale o della loro conversione al Cristianesimo. Tra gli afghani rimpatriati a forza dall’Europa c’erano anche minori non accompagnati e minorenni diventati adulti quando sono arrivati nel continente europeo». L’accusa è di violare il diritto internazionale.

Dopo il discorso di Theresa May alla conferenza dei Tories a Manchester, torna di moda la domanda: è adatta al ruolo di primo ministro? Il partito infatti si sta sempre più preparando a trovare un nuovo leader. Ci sono voci sui media di deputati ribelli che già vorrebbero farla cadere nei prossimi mesi. L’unico vero freno è rappresentato dal rischio di una eventuale elezione in cui potrebbe vincere il leader laburista Jeremy Corbyn.

Rimanendo in Europa, dopo il via libera in commissione libertà civili anche il Parlamento europeo ha dato il suo ok all’implementazione della procura Ue antifrode (Eppo). Questa avrà il potere di indagare e perseguire crimini contro il bilancio dell’Unione, come frodi nell’utilizzo dei fondi europei, corruzione e frodi transfrontaliere sull’Iva. Secondo le previsioni, serviranno almeno tre anni prima che l’ufficio possa entrare in funzione.

Chiudiamo con il caso di Cesare Battisti, che è stato arrestato nella città di Corumbà, alla frontiera tra Brasile e Bolivia, mentre cercava di fuggire a bordo di un taxi boliviano. Lo hanno reso noto la polizia federale e quella stradale brasiliana, che ha specificato che l’ex terrorista ha passato la notte nel locale commissariato, dove è stato condotto per tentata esportazione di denaro non dichiarato al fisco. Secondo gli agenti, l’italiano aveva con sé cinquemila dollari e duemila euro in contanti. Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, ha fatto sapere che si è lavorato «con l’ambasciatore Bernardini per riportare Battisti in Italia e assicurarlo alla giustizia. Continuiamo il lavoro avviato con le autorità brasiliane».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->