mercoledì, Aprile 21

Catalogna indipendente, ma la Spagna attiva l’art. 155 Mattis: 'Usa non vogliono la guerra ma la completa denuclearizzazione della Corea del Nord'. Russia, Putin a esercitazioni militari

0
1 2


Alla fine è indipendenza. Il Parlament della Catalogna ha votato sull’indipendenza. 70 i voti a favore, 10 no. Due le schede bianche. Non ha votato l’opposizione unionista (formata da Psc, Ciudadanos e Ppc), che ha abbandonato l’aula prima dell’inizio della votazione. La risoluzione era stata presentata dal Junts pel Sì e Cup.

La dichiarazione, approvata con voto segreto, annuncia la costituzione della «repubblica catalana come stato indipendente e sovrano» e invita il governo di Barcellona a «emettere tutte le risoluzioni necessarie per l’implementazione della legge di transizione giuridica e fondamento della repubblica». Fra le misure, figurano provvedimenti per istituire la nazionalità catalana, la promozione del riconoscimento internazionale, la creazione di una Banca della Catalogna, l’integrazione dei funzionari spagnoli nella nuova amministrazione indipendente, provvedimenti per l’esercizio dell’autorità fiscale, la messa a punto di una lista dei beni dello stato spagnolo presenti in Catalogna per una effettiva successione nella proprietà.

Festa grande fuori dal parlament catalano, dove si erano radunate migliaia di persone, in attesa del voto decisivo per l’indipendenza. «Sì. Abbiamo guadagnato la libertà per costruire un nostro Paese», ha scritto su Twitter il vice governatore della Catalogna, Oriol Junqueras.

Immediata la replica, affidata anche questa a Twitter, del primo ministro spagnolo Mariano Rajoy: «Chiedo tranquillità a tutti gli spagnoli. Lo Stato di diritto restaurerà la legalità in Catalogna». Poi ha definito questo voto come un ‘atto criminale e contro legge’. Come prima mossa, il governo spagnolo ha annunciato che ricorrerà dinanzi alla Corte Costituzionale contro il voto del Parlament catalano sull’indipendenza. Poi il Senato spagnolo, poco dopo, ha approvato l’attivazione dell’articolo 155 della costituzione contro la Catalogna, chiesta dal governo di Madrid.

Rajoy, davanti al Senato, ha poi annunciato che il governo di Madrid destituirà il presidente catalano Carles Puigdemont, il vicepresidente Oriol Junqueras e tutti i membri del Govern con i poteri straordinari che gli saranno concessi dalla camera alta. La procura generale dello stato spagnolo è pronta a chiedere l’incriminazione per ribellione del presidente catalano, pena che comporta fino a 30 anni di carcere.

«La Catalogna è parte integrante della Spagna e gli Stati Uniti sostengono le misure costituzionali del governo spagnolo per mantenere la Spagna forte e unita», ha affermato il Dipartimento di stato americano in un comunicato in una delle prime reazioni internazionali dopo il voto catalano.

E’ ancora bollente la situazione nella penisola coreana. Un’insolita maxi esercitazione militare con lo spiegamento di tre portaerei Usa e dei relativi gruppi d’attacco si terrà a novembre nell’area Asia-Pacifico. E il presidente Donald Trump ha confermato la sua prima missione in Asia a metà del prossimo mese: per lui visite in Giappone, Corea del Sud e Cina. Le tre portaerei sono in navigazione tra gli oceani Indiano e Pacifico, ma potrebbero riunirsi in poche settimane.

Gli Usa intanto, per bocca del segretario alla Difesa James Mattis (in visita nella zona smilitarizzata a Panmunjom), hanno fatto sapere che «non vogliono la guerra ma la completa denuclearizzazione della Corea del Nord». Il segretario ha sollecitato inoltre il leader Kim Jong-un a evitare le provocazioni che minacciano gli altri «con una catastrofe». Il nucleare e i missili balistici del Nord sono armi che «non possono essere usati»: se lo fossero, ha ribadito, Pyongyang «dovrà fare i conti con la rappresaglia delle forze combinate tra la Corea del Sud e gli Usa».

Donald Trump intanto ha deciso di divulgare 2.800 file classificati sull’omicidio del presidente John Fitzgerald Kennedy mantenendo segreti gli altri per un ulteriore esame nei prossimi sei mesi. Fonti della Casa Bianca hanno spiegato Trump sottolineerà alle agenzie federali che i file devono restare segreti, dopo gli ulteriori sei mesi di valutazione, solo nei casi più rari.

Nel frattempo ,sempre per quanto riguarda la sicurezza, il vice presidente Mike Pence è giunto in North Dakota per la sua seconda visita in sei mesi alla base area della U.S. Air Force di Minot, dove vengono custodite armi nucleari. Questa visita fa seguito a quella compiuta a settembre nella stessa struttura da James Mattis, vista come una sorta di messaggio alla Corea del Nord sulle capacità nucleari degli Stati Uniti.

In Russia intanto il presidente Vladimir Putin ha preso parte alle esercitazioni militari delle forze strategiche nucleari e «ha effettuato il lancio di quattro missili balistici»: lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov. «Nel corso delle esercitazioni, è stata studiata la cooperazione tra le forze missilistiche strategiche nucleari, dei sommergibili atomici delle flotte dell’Oceano Pacifico e del Nord nonché dell’aviazione a lungo raggio delle forze aerospaziali russe», ha detto Peskov.

In Siria continua il consolidamento delle posizioni dell’esercito turco nella provincia nord-occidentale di Idlib, dove è impegnato nell’ambito delle zone di ‘de-escalation’ concordate nei colloqui di Astana con Russia e Iran. Nel frattempo è polemica intorno al rapporto del Comitato investigativo congiunto (Jim) delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac) che accusa il governo di Damasco è indicato come responsabile dell’attacco con il gas sarin dell’aprile scorso a Khan Sheikhun. «Anche a uno sguardo veloce si vede che il rapporto è pieno di discrepanze, incongruenze logiche, testimonianze di dubbio valore e prove infondate che la Russia ha menzionato decine di volte negli ultimi mesi lontano dai microfoni e dietro le quinte», fa sapere Serghiei Riabkov, vice ministro degli Esteri della Russia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->