giovedì, Maggio 13

Catalogna: è indipendenza! Rajoy: ‘Stato di diritto restaurerà la legalità’ 70 i voti a favore, 10 no. Due le schede bianche. Non ha votato l'opposizione unionista 

0

Il Parlament della Catalogna ha votato sull’indipendenza. 70 i voti a favore, 10 no. Due le schede bianche. Non ha votato l’opposizione unionista (formata da Psc, Ciudadanos e Ppc), che ha abbandonato l’aula prima dell’inizio della votazione. La risoluzioneera stata presentata dal Junts pel Sì e Cup.

Il Parlament catalano è esploso in un boato dopo l’approvazione dell’indipendenza. I deputati in piedi hanno cantano l’inno nazionale Els Segadors dopo che la presidente Carme Forcadell ha annunciato l’adozione della dichiarazione d’indipendenza, seguito da grida di «Visca Repubblica» (Viva la Repubblica).

Festa grande anche fuori dal parlament catalano, dove si erano radunate migliaia di persone, in attesa del voto decisivo per l’indipendenza della Catalogna.

«Sì. Abbiamo guadagnato la libertà per costruire un nostro Paese», ha scritto su Twitter il vice governatore della Catalogna, Oriol Junqueras.

Immediata la replica, affidata anche questa a Twitter, del primo ministro spagnolo Mariano Rajoy: «Chiedo tranquillità a tutti gli spagnoli. Lo Stato di diritto restaurerà la legalità in Catalogna». Secondo poi le ultime informazioni raccolte da ‘La Vanguardia‘, il premier spagnolo ha convocato il Consiglio dei ministri per le 19. L’incontro si concentrerà, secondo il quotidiano, sull’articolo 155 della Costituzione che prevede il commissariamento della Catalogna e sulla sua applicazione, tra cui la destituzione del presidente catalano Carles Puigdemont e del suo governo.

Inoltre, come ulteriore mossa, il governo spagnolo ha annunciato che ricorrerà dinanzi alla Corte Costituzionale contro il voto del Parlament catalano sull’indipendenza.

Ripercussioni anche a livello economico del voto d’indipendenza. Madrid, dopo neanche un ora, è maglia nera in Europa. Attualmente l’indice Ibex perde l’1,63%. In particolare, affondano i titoli bancari: Santander perde ora l’1,9% dopo aver toccato il -2,5%, BBVA il -3,2%, mentre CaixaBank, terza banca spagnola, ha lasciato sul terreno circa il 5% e Banco Sabadell il 6%.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->