mercoledì, Aprile 21

Caso Rousseff: presentato ricorso al tribunale federale

0

Un deputato del Partito dei lavoratori (PT) ha presentato in data un nuovo ricorso al tribunale federale per bloccare il processo politico contro il Presidente Dilma Rousseff, accusata,assieme all’appena destituito Presidente della Camera Eduardo Cuña, a tre ministri del governo e ad altri 27 esponenti politici, di corruzione. Un atto quello contro la capo di governo brasiliana, che viene visto da molti come un golpe della ‘borghesia’ del paese costituita principalmente, secondo fonti locali,Probabilmente già l’11 maggio il Senato, a maggioranza semplice, dall’ex apparato politico che dominava il Brasile negli anni 80′-90′. Tra due giorni il Senato sarà chiamato a decidere se votare a favore della sospensione del processo o se proseguire secondo le linee guida della Camera dei Deputati, che per ben due volte ha confermato l’intenzione di voler proseguire con con l’impeachment. 42, vale a dire la metà più uno, il numero che basterà a sollevarla dall’incarico  pert condurla ad un processo di circa sei mesi. Se ciò dovesse accadere al prendere il posto della leader del PT a guidare una nuova formazione di governo sarà il vicepresidente ed ex sostenitore della Rousseff, Michel Temer appartentente al Partito Movimento Democratico Brasiliano (PMDB). Ad oggi il clima di tensione politica presente nello stato latinoamericano, sembra non sconvolgere l’organizzazione delle prossime Olimpiadi di Rio De Janeiro, su cui sono concentrate le attenzioni dell’opinione pubblica mondiale.

(Fonte tratta da canale YouTube RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->