mercoledì, Giugno 16

Casellateide: ora la bastona pure Mediaset per i ‘voli blu’ La Presidente del Senato si è sempre distinta per essere una fedele alfiere del berlusconismo ed ha supportato l’ex cavaliere in tutte le sue battaglie. Insomma un sodalizio di ferro che l’ha portata nella prestigiosissima attuale posizione. Ma evidentemente qualcosa è cambiato nel rapporto con il suo ex mentore

0

Maria Elisabetta Alberti Casellati ha un cognome che ricorda la mitica contessa Serbelloni Mazzanti Vien Dal Mare di fantozziana memoria.

Ma lei è la Presidente del Senato in quota Forza Italia, dopo una vita professionale di incarichi prestigiosi. Negli ultimi tempi è sulle prime pagine di tutti i giornali per l’utilizzo eccessivo dei voli di Stato, cioè i famosi ‘aerei blu’.

Pare che i voli del lussuoso Falcon 900 siano stati 124 in 11 mesi, ufficialmente per ‘evitare il Covid-19’, e nella stragrande maggioranza da Roma a Venezia per poi proseguire per Padova, dove risiede nel centro storico, ma anche in agosto verso la Sardegna per le meritate vacanze.

Sembra anche che sia possibile farlo per lealte cariche dello Stato’, ma in ogni caso resta evidente l’inopportunità di esagerare. Oltretutto la stampa riporta che, anche dopo lo scoppio della polemica, la Casellati abbia continuato pervicacemente i suoi voli da Roma a Venezia. Ma ormai questa non è più una notizia.

Quello su cui finora non ci si è soffermati affatto è invece altro e cioè come mai ‘Striscia la notizia, format satirico di Canale 5 e quindi Mediaset, stia bastonando Maria Elisabetta Alberti Casellati?

Ieri sera è stato trasmesso un servizio all’acido muriatico nei confronti della seconda carica dello Stato che risulta ancora, almeno formalmente, in quota Forza Italia – Berlusconi.

Come è mai possibile che proprio la rete del suo partito la sbertucci nel modo più caustico, come del resto è costume del telegiornale satirico ideato da Antonio Ricci?

La Casellati si è sempre distinta per essere una fedele alfiere del berlusconismo ed ha supportato l’ex cavaliere in tutte le sue battaglie. Insomma un sodalizio di ferro che l’ha portata nella prestigiosissima attuale posizione. Ma evidentemente qualcosa è cambiato nel rapporto con il suo ex mentore. Attendiamo nuovi e piccanti sviluppi di questa telenovela pre – estiva e soprattutto di capire che cos asia successo tra Arcore e Padova.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->