domenica, Settembre 26

Casaroli, dalla X Mas alle rapine

0

Il 4 luglio 1952 inizia il processo contro Paolo Casaroli, leader di una banda di rapinatori che ha fatto scalpore nell’Italia del dopoguerra.

Tutto inizia a partire dal mese di ottobre 1950 quando dieci persone terrorizzano l’Italia  con rapine a mano armata e sparatorie da film. Adottano tecniche simili a quelle dei gangsters d’oltreoceano con automobili, armi da fuoco e grande rapidità. La stampa ribattezza la banda gangster di celluloide‘. Il loro capo si chiama Paolo Casaroli.
Martedì 3 ottobre 1950 mettono a segno il primo colpo assaltando la succursale di Binasco della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde. Dopo aver legato il direttore e i due impiegati, si impadroniscono di una cifra che si aggira intorno alle seicentomila lire. Sei giorni dopo, lunedì 9 ottobre, rapinano la succursale del Banco di Roma di Ca’ de Pitta alla periferia di Genova. Spianate le armi contro impiegati e clienti svuotano la cassaforte e portano via circa cinque milioni di lire cui aggiungono un milione sottratto a un cliente. Per la terza rapina della loro storia scelgono Torino. È il 23 novembre, un giovedì, quando la banda prende d’assalto l’agenzia n. 8 della Cassa di Risparmio di Torino, in via Stradella. Il bottino è di novecentomila lire, ma né Casaroli né i suoi uomini si accorgono che in un altra cassa sono custoditi alcuni milioni. Venerdì 15 dicembre puntano all’agenzia n. 3 del Banco di Sicilia di Roma, in via Trastevere. Questa volta non tutto va liscio. Alcuni impiegati resistono. Ne nasce uno scontro a fuoco con varie vittime che segna l’inizio della fine.
La loro cattura è in linea con la fama da gangsters cinematografici. Come in un film che si rispetti avviene con dispendio di fuoco e notevole spargimento di sangue. La questura di Bologna riesce a risalire a Casaroli, partendo dalla Fiat 1400, l’auto usata per la rapina di Roma. Scoprono che potrebbe essere stata noleggiata a Bologna, ma non sono sicuri dell’identificazione. Vorrebbero parlare con Casaroli. Due agenti, Giuseppe Tesoro e Giancarlo Tonelli vengono inviati a casa sua per convocarlo in Questura. Casaroli e il suo braccio destro Romano Ranuzzi pensano di essere stati ormai scoperti, sparano, feriscono con un colpo al fegato Tonelli e fuggono a piedi per le strade di Bologna. Nella fuga freddano un ex brigadiere dei carabinieri, Mario Chiari, che cerca di fermarli, poi sparano a un vigile, Luigi Zedda, che resta a terra ferito, quindi uccidono un taxista e cercano di impadronirsi di un auto.
Braccati finiscono per non avere via d’uscita. Ranuzzi, ferito all’inguine, si spara per non essere preso vivo mentre Casaroli viene catturato.

La violenza di Paolo Casaroli più che dai film polizieschi nasce dalla sua storia personale. Nel 1943, uscito dall’istituto Artigianelli di Faenza, si arruola volontario nella X MAS, comandata da Junio Valerio Borghese e combatte nelle file della Repubblica Sociale. Finita e persa la guerra contro i partigiani decide di combatterne un’altra contro le banche insieme al fido Romano Ranuzzi, un tipo introverso e solo al mondo con una breve militanza nella Resistenza. Ogni rapina viene vissuta come una battaglia in una guerra personale che si conclude con la cattura.

Il 4 luglio 1952 quando si apre a Bologna il processo a lui e alla sua banda i benpensanti mettono sotto accusa la violenza dei film polizieschi americani, facendo finta di non vedere la triste esperienza nella Repubblica Sociale. La vicenda giudiziaria si concluderà con una serie di condanne. Paolo Casaroli viene condannato all’ergastolo con due anni di isolamento diurno. Resterà in carcere sino all’inizio di marzo del 1979, quando uscirà, si sposerà e si dedicherà alla pittura. Morirà il primo gennaio 1993.
Alla vicenda è dedicato il film ‘La banda Casaroli‘ di Florestano Vancini.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->