mercoledì, Ottobre 27

Carson: "Costituzione tutela tutti" (anche LGTB) Dopo le varie discriminazioni verso i neri Carson dice la propria modificando il motto 'In God we trust'

0

Nel corso del terzo debate politico di confronto candidati presidenziali USA 2016, con queste parole, Ben Carson, possibile candidato democratico alla Presidenza (che nei sondaggi ha appena superato per popolarità e exit pole Trump tra i repubblicani), afferma per quanto riguarda i diritti dei gay, o meglio di tutti gli LGTB : “Credo che la nostra Costituzione tuteli e protegga da discriminazioni tutti quanti i cittadini americani“. Poi aggiunge anche per rafforzare il concetto: “Non c’è nessun motivo per discriminare per motivi personali o di profitto, o altri casi specifici,  le persone che non la pensano come noi, le donne in quanto tali, chi è unito ad un suo simile nel genere. La bellezza dell’America sta nella pluralità delle opinioni, delle idee, dei credi e delle preferenze sessuali. Così i padri fondatori hanno creato e pensato l’America, pensare diversamente non porterebbe alla verità e sappiamo che l’America crede da sempre nel motto: ‘In God we trust’, ma esso andrebbe cambiato invece in ‘In truth we trust'”. Egli quindi ha cercato di fare una citazione presa direttamente il libro di Michael S. Carolan e Michael Bell sull’importanza dell’ambiente nel nostro mondo che si intitola ‘In Truth We Trust: Discourse, Phenomenology, and the Social Relations of Knowledge in an Environmental Dispute‘. Carson aveva già espresso tale posizione a riguardo degli LGTB e della Costituzione americana in un’intervista alla ‘CNN’.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘CNBC’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->