mercoledì, Ottobre 20

Caravan e camper: una preziosa risorsa per il turismo

0
1 2


Sono incoraggianti anche i dati statistici del nuovo e dell’usato del 2015, che, similmente alla ripresa registrata dai principali mercati europei e da quello delle auto, equivalgono rispettivamente a +7,9% e +7%. “Inoltre, secondo i risultati forniti in occasione dell’ultima edizione del Salone del Camper, fiera del settore prima in Italia e seconda a livello europeo, i produttori hanno ricominciato ad assumere per far fronte ai nuovi ordinativi, registrando un fiducioso +15% delle vendite e intenzioni d’acquisto rispetto all’anno precedente. A questo trend si aggiungono i valori positivi sulla continua crescita del mercato dell’usato, nonché la tenuta del mercato del noleggio, ma soprattutto il boom dell’export con circa l’83% dei veicoli prodotti in Italia destinati all’esportazione. Risultati che testimoniano sia la volontà di un comparto stimolato a fronteggiare continue sfide, sia il ritrovato entusiasmo nei confronti di un settore che coinvolge ogni anno un numero crescente di persone, sempre più attratte da questa tipologia di vacanza, ritenuta la più conciliante tra costi, libertà di scelta dell’itinerario anche all’ultimo minuto, sicurezza, comodità e indipendenza. Non solo famiglie ma anche celebrità, altro segnale importante per l’industria del caravanning, la quale rispetto al passato, sta allargando il proprio bacino d’utenza attraendo sempre più appassionati e intercettando una nuova fascia di clientela anche tra vip, politici e personalità del mondo dello spettacolo, dello sport, della cultura e delle arti”.

Alla luce di tutto ciò, risulta dunque prioritario per l’Associazione, cogliere l’enorme potenziale del turismo itinerante e concentrare i propri sforzi sul potenziamento quantitativo e qualitativo dell’ospitalità del caravanning sull’intero territorio. “A tal fine abbiamo dedicato il focus di approfondimento dell’ultima edizione del Rapporto, a coloro, privati o amministrazioni pubbliche, che vogliono investire in un settore in continua espansione nell’ambito del turismo nazionale. Abbiamo infatti dedicato la speciale sezione allegata al Rapporto, alle linee guida fondamentali per la realizzazione di nuove aree di sosta attrezzate, convinti che con i suoi infiniti tesori nascosti, sparsi tra gli oltre 8000 comuni, l’Italia rappresenta, infatti, il Paese ideale per essere scoperto in camper, caravan e tenda. Stiamo naturalmente già lavorando all’edizione del Rapporto Nazionale 2016, arricchita da sempre nuovi e interessanti argomenti, con l’augurio di continuare a destare l’interesse e il coinvolgimento dei nostri appassionati lettori”, riferisce il direttore generale.

Riuscire a far conoscere le potenzialità che questo tipo di turismo può dare è fondamentale. La promozione del turismo in libertà, però, non può essere improvvisata. “Ed è proprio su queste basi che si pone l’unico programma televisivo italiano dal titolo appunto ‘Camper Magazine’ dedicato al turismo in movimento, che da ormai 10 anni, accompagna il telespettatore alla scoperta dei più affascinanti itinerari italiani da raggiungere in camper e delle novità in tema di prodotto offerte dal settore dell’industria del caravanning”, racconta Carmen Somma, direttore responsabile di Camper Magazine. Ora più che mai, c’è bisogno di promuovere il turismo in libertà perché certamente la frenata dovuta alla crisi ha creato qualche difficoltà ed è in momenti come questi che il settore ha bisogno di maggiore visibilità per ritrovare nuova linfa e credibilità”.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->