venerdì, Luglio 30

Caracas, la città più pericolosa al mondo

0

Ne avevamo parlato già nel punto di mercoledì, ma ci torniamo, seppur a malincuore, perché a parlarne ora sono anche le testate straniere. Secondo i dati del rapporto della ONG messicana Consiglio cittadino per la pubblica sicurezza e la giustizia penale, la capitale del Venezuela, Caracas, è la città più pericolosa del mondo. Tolto il primato a San Pedro Sula, in Honduras, che resisteva da due anni. L’Ong messicana sostiene che Caracas registra per la prima volta un tasso di omicidi pari a 119.87 per 100.000 abitanti, in leggero aumento rispetto ai 115,98 omicidi del 2014. Per quanto riguarda la classifica delle morti violente invece in testa Fortaleza. Preoccupante come delle 50 città più violente del mondo, 41 si trovino in America Latina: 21 in Brasile, 8 in Venezuela, 5 in Messico, 3 in Colombia, 2 in Honduras, una in Guatemala ed El Salvador.

Ecco la classifica delle prime dieci:

1. Caracas, Venezuela 119.87 2. San Pedro Sula, Honduras 111.03 3. San Salvador, El Salvador 108.54 4. Acapulco, Messico 104.73 5. Maturin, Venezuela 86.45 6. Distretto Centrale, Honduras 73.51 7. Valencia, Venezuela 72.31 8. Palmira, Colombia 70.88 9. Città del Capo, Sud Africa 65,53 10. Cali, in Colombia 64.27.

 

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->