mercoledì, Maggio 12

Caos negli ospedali inglesi: sciopero di tutti i reparti

0

Da questa mattina,  lo sciopero degli ospedali inglesi ha coinvolto tutti i reparti, compresi i pronti soccorsi: è caos generale. Le proteste vanno avanti da molto, ma non era mai accaduto che tutti i reparti scioperassero, compromettendo il funzionamento di tutto il sistema ospedaliero.  L’intento dello sciopero è quello di protestare contro la riforma del governo di David Cameron, primo ministro del Regno Unito, che danneggerebbe molti medici, appartenenti alla categoria dei ‘junior doctors’, ovvero quelli meno pagati e, forse, più indispensabili del sistema sanitario nazionale britannico. Tale riforma, prevede l’imposizione ai ‘junior doctors’ di un nuovo contratto che include l’aumento dello stipendio di base del 13,5% ma anche la riduzione della paga degli straordinari durante i fine settimana.

La protesta è cominciata alle 8 e si concluderà alle 17 e potrebbe continuare domani. Inevitabile, dunque, una ripercussione negli ospedali, visto che i ‘junior doctors’ costituiscono circa un terzo del personale medico.

Secondo un sondaggio della Bbc, nonostante l’allargamento della protesta a tutti i reparti comprometta il funzionamento degli ospedali creando gravi disagi, la maggioranza della gente è con i ‘junior doctors’.

 

(Video tratto dal canale Youtube: AFP news agency)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->