giovedì, Maggio 6

Cannabis, USA a due facce: riforma e blocco Rassegna stampa canapa e cannabis nelle testate estere dal 26 al 30 Aprile

0

La Confederazione USA si presenta -in tema di canapa- come Giano Bifronte: da una parte attua riforme ed istituzionalizza sempre più le leggi che governano il settore della produzione della canapa, allo stesso momento, dall’altra parte, alcuni Stati si oppongono a questo processo, ritenendo -un po’ in vecchio stile- che si possano paventare rischi di eccessi di produzione di canapa che possa contenere alti livelli di cannabinoidi incontrollati. Le nuove tecnologie applicate nella creazione di sigarette elettroniche per consumare cannabis in modalità hi-tech oggi incontrano le antiche tradizioni delle pratiche olistiche, le nuove vie sperimentali dei potenziali prossimo successi commerciali. Il Maryland supera il miliardo di dollari di cannabis su base annua. La Louisiana approva una legge per l’avanzamento della cannabis per uso adulto, la Commissione del Senato dell’Alabama, invece, approva misure che limitano la produzione di canapa per un potenziale rischio di produzione con alti livelli di cannabinoidi Delta-8-THC e Delta-10-THC.

 

Stati Uniti

Il Dipartimento dell’Agricoltura USA fa sul serio, firmati i provvedimenti sull’intero settore canapa

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha approvato i regolamenti per l’industria della canapa, che entreranno in vigore alla fine di questo mese. 

Il segretario all’Agricoltura Tom Vilsack ha approvato i regolamenti dopo una recente revisione del lavoro svolto sul programma per la canapa sotto la precedente amministrazione statunitense.

«La regola è stata ora autorizzata dal segretario Vilsack per andare avanti, come pubblicato nel registro federale», ha scritto lunedì scorso Bill Richmond del programma di produzione di canapa domestica dell’USDA in un’e-mail alle parti interessate della canapa.

A lungo atteso

L’USDA ha rilasciato le tanto attese normative finali a gennaio, indicando una guida chiara per le parti interessate, ma anche sollevando preoccupazioni su alcune politiche, inclusi i requisiti per i test delle piante di canapa. Le parti interessate hanno affermato che l’applicazione ritardata di alcune disposizioni in materia di campionamento e analisi consentirebbe ai produttori un periodo di tempo per adeguarsi alle nuove regole.

E molti si sono opposti a un ruolo della US Drug Enforcement Administration (DEA) nel programma sulla canapa, sottolineando l’espressa rimozione della canapa da parte del ControlledSubstances Act da parte della US Farm Bill. L’agenzia farmaceutica si è affermata in modo aggressivo e persistente in questioni che interessano l’industria della canapa, con sgomento delle parti interessate. Secondo le regole, i test del THC devono essere eseguiti presso laboratori certificati DEA a partire dal 31 dicembre 2022.

L’autorizzazione finale dell’USDA significa che le regole non verranno modificate prima della data di entrata in vigore del 22 marzo, ma coloro che non sono soddisfatti delle regole hanno affermato che continueranno a sostenere i miglioramenti.

 

Stati Uniti

Quando la sigaretta elettronica a sviluppo tecnologico avanzato si coniuga con le pratiche olistiche

Leader nella tecnologia di inalazione, E1011 Labs offre un approccio alternativo al benessere con sigarette elettroniche più pulite e ad azione rapida che utilizzano miscele personalizzate di canapa a fiore intero puro. Ispirati dall’uso dell’inalazione come pratica medicinale in molte culture antiche, i fondatori dell’azienda volevano fornire il benessere dei cannabinoidi combinando la tradizionale conoscenza olistica con la tecnologia all’avanguardia.

Con la sicurezza e la precisione in mente, sono atterrati sulla sigaretta elettronica elon vape, un rivoluzionario dispositivo di aspirazione CBD che utilizza un avanzato sistema di riscaldamento concentrico per un’estrazione ideale che lo rende uno dei dispositivi più high-tech sul mercato.

L’Elon rende più facile che mai portare la canapa a fiori interi ovunque ne abbiate bisogno. Imballa questo vaporizzatore avanzato con le cartucce di stelo di canapa a spettro completo di E1011 Labs e si possono godere effetti che prendono il sopravvento in pochi minuti, anziché in ore. E’ oggetto di approfondimento, oggi, tutta la serie di motivi per cui si pensa che questo dispositivo sia uno dei migliori della sua categoria.

 

Stati Uniti

Le vendite di cannabis nel Maryland sorpassano il miliardo di dollari

Quaranta mesi dopo il suo lancio nel 2017, il mercato della cannabis medica del Maryland ha raggiunto il traguardo di $ 1 miliardo di vendite, riporta il Baltimore Business Journal.

Le vendite trimestrali sono cresciute costantemente di anno in anno nel Maryland, con vendite quasi raddoppiate da $ 60,5 milioni nel 2019 a $ 115 milioni nel 2020. Solo quest’anno, i dispensari hanno raccolto $ 135 milioni nei primi tre mesi, stabilendo un ritmo per raggiungere $ 500 milioni entro la fine dell’anno, secondo il rapporto.

Il direttore esecutivo della Maryland Medical Cannabis Commission (MMCC) William Tilburg ha affermato di ritenere che l’aumento del numero di pazienti e dispensari di cannabis medica abbia portato a cifre di vendita in crescita (i pazienti registrati con cannabis nel Maryland sono cresciuti da 87.019 a 123.376 da dicembre 2019 a dicembre 2020). Questi numeri di crescita impressionanti sono stati seguiti da altri 1.959 pazienti che si sono iscritti per la cannabis medica a gennaio, portando il numero totale di pazienti del Maryland a 125.335. Inoltre, il numero dei dispensari è aumentato di circa il 10 percento nello stesso periodo di tempo.

Tilburg ha affermato di credere che il prossimo miliardo arriverà molto più velocemente a causa del probabile prossimo passo del Maryland di legalizzare le vendite di cannabis per uso adulto.

Sebbene il Maryland non abbia approvato le riforme per l’uso degli adulti in questa sessione, si prevede comunque che lo stato seguirà le orme della vicina New York, New Jersey e Virginia con un nuovo passaggio sulle riforme il prossimo anno. Se il Maryland approva la cannabis per uso adulto, la società di ricerche di mercato sulla cannabis BDS Analytics prevede che lo stato potrebbe raggiungere il suo prossimo miliardo di vendite entro il 2024, con le vendite ricreative che rappresentano i due terzi del totale, secondo il rapporto.

 

Stati Uniti

Anche la Louisiana fa passi avanti nella legalizzazione, la legge apposita sta per giungere nella Camera per l’approvazione

I legislatori della Commissione per la Giustizia penale della Camera della Louisiana hanno votato ieri 7-5 a favore dell’avanzamento del disegno di legge 524 della Camera, la proposta di legalizzazione della cannabis per uso adulto dello Stato.

Il disegno di legge ora avanza all’esame della Camera, anche se si prevede che dovrà affrontare una forte opposizione nell’organismo controllato dai repubblicani. Se approvato lì, dovrebbe affrontare un’ulteriore opposizione al Senato e quindi potenzialmente da parte del governatore John Bel Edwards (D), che ha affermato di sostenere la cannabis medica ma si oppone alla legalizzazione dell’uso degli adulti.

«Come faccio quasi sempre, prendo una bolletta non appena arriva sulla scrivania e vedo cosa contiene. Non ho intenzione di speculare ora su questo. Ma sono molto interessato a quel disegno di legge e a ciò che dice, soprattutto se arriva al quarto piano», ha affermato il Governatore Edwards, in una dichiarazione martedì, tramite The Advocate

Il disegno di legge originariamente avrebbe posto la questione della legalizzazione agli elettori come referendum del novembre 2022 e poi avrebbe depenalizzato la cannabis se gli elettori avessero approvato le riforme, ma lo sponsor principale Rep. Richard Nelson (R) in seguito si è allontanato da quella strategia. La normativa ora aggiornata, invece, consentirebbe ai comuni di rinunciare al settore a livello locale.

Nonostante l’opposizione di molti legislatori, secondo un recente sondaggio una maggioranza di due terzi degli elettori della Louisiana sostiene la legalizzazione della cannabis per uso adulto.

I membri del comitato ieri hanno anche avanzato la legislazione sulla depenalizzazione della cannabis con un voto 6-5 che – come il suddetto piano referendario degli elettori – avrebbe effetto solo se i legislatori approvassero prima un piano per legalizzare e regolamentare la cannabis per uso adulto.

 

Stati Uniti

Il Comitato del Senato dell’Alabama approva il progetto di legge per vietare i prodotti Delta-8 e Delta-10

La Commissione giudiziaria del Senato dell’Alabama la scorsa settimana ha approvato una misura che include un emendamento per fuorilegge Delta-8-THC e Delta-10-THC, secondo Alabama Political Reporter. Entrambi i cannabinoidi possono essere derivati ​​dalla canapa.

L’intento originale del disegno di legge era semplicemente quello di aggiungere la tianeptina oppioide sintetica all’elenco delle sostanze controllate dallo Stato. L’emendamento è stato aggiunto al disegno di legge dal senatore repubblicano Arthur Orr.

In un post sul blog, l’Alabama Cannabis Industry Association si è mobilitata contro la proposta.

«È prematuro mettere fuori legge questi trattamenti potenzialmente benefici per condizioni molto gravi fino a quando la ricerca non sarà stata fatta. Quello che sappiamo è che non ci sono stati decessi attribuiti a delta-8-thc e la cannabis è generalmente più sicura anche di alcuni farmaci da banco. Il Senato dell’Alabama ha l’opportunità di regolamentare delta-8-thc e delta-10-thc nel Compassion Act in modo che sia controllato ma comunque accessibile alle persone che ne trarranno beneficio riducendo la sofferenza e migliorando la qualità della vita». – l’ACIA in un post sul blog

Il presidente e direttore esecutivo dell’ACIA, Chey Garrigan, ha dichiarato al Political Reporter che l’organizzazione “non è contraria” all’intento originale del disegno di legge – vietare la tianeptina – ma si oppone alla “criminalizzazione di Delta 8 e Delta 10.

Nel post sul blog, l’ACIA ha affermato che oltre alle preoccupazioni per la salute pubblica e individuale portate dall’emendamento, lo Stato dovrebbe sostenere dei costi per far rispettare il divieto.

«Questo è il denaro delle tasse che potrebbe andare sulle strade“, ha detto l’organizzazione. «Ma, se è incluso come un prodotto di cannabis medica ed è legalizzato e controllato attraverso il Compassion Act, lo Stato riceverà le tasse derivanti dalla sua vendita».

Il disegno di legge, passato alla Commissione 6-3, potrebbe essere esaminato dal Senato questa settimana.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->