lunedì, Maggio 10

Cannabis, un investimento responsabile L'analisi di Sandra Woien dell'Arizona State University

0

L’Illinois recentemente è diventato l’undicesimo stato a legalizzare la marijuana per uso ricreativo. Man mano che altri Stati seguiranno l’esempio, la spesa per la cannabis dovrebbe aumentare del 200% da circa 9 miliardi di dollari nel 2017 a 31 miliardi di dollari nel 2022.

Con questi impareggiabili aumenti della spesa, le scorte di marijuana, compresi i fondi negoziati in borsa stanno diventando più comuni. Gli investimenti socialmente responsabili sono diventati più popolariGli investimenti socialmente responsabili hanno registrato un aumento del 38% tra il 2016 e il 2018. Solo all’inizio del 2018 sono stati investiti $ 11,6 trilioni in fondi socialmente responsabili.Ciò si traduce in $ 1 su $ 4 di tutti i fondi investiti negli Stati UnitiGli investitori impegnati a essere socialmente consapevoli hanno più scelte che mai e possono aspettarsi rendimenti simili agli investitori tradizionali.

Oltre al profitto, gli investimenti socialmente responsabili si concentrano su ciò che è noto come la ‘tripla linea di fondo’. Ciò significa che le aziende considerano anche ‘persone’ e ‘pianeta’, come parte delle pratiche commerciali responsabili. Gli investitori socialmente responsabili in genere acquistano azioni di società che hanno politiche per mitigare i cambiamenti climatici o sostenere il commercio equo, ma possono evitare le società impegnate nella produzione di combustibili fossili, tabacco, alcol e armi.

La maggior parte delle persone concorderebbe sul fatto che tali società alla fine causano più danni sociali e ambientali che benefici. Ad esempio, i combustibili fossili, pur soddisfacendo le richieste di una fonte di energia relativamente economica e coerente, contribuiscono in modo inequivocabile all’inquinamento atmosferico e incidono negativamente sulla salute umana e ambientale.

Il caso del tabacco è simile. Può compromettere seriamente una vita sana e lunga.Prendere consapevolezza degli effetti della marijuana è più complesso. La sostanza è usata sia dal punto di vista medico che ricreativo. L’uso di marijuana può causare danni, soprattutto se usato in giovane età. Il National Institutes of Health riconosce che il 30% degli utenti sviluppa sintomi di dipendenza e astinenza con l’uso a lungo termine della marijuana. Può anche portare a cambiamenti a lungo termine e negativi al cervello.

L’American Lung Association sconsiglia di fumare marijuana a causa dei rischi che comporta per la salute dei polmoni. Tuttavia, la marijuana ha anche alcuni benefici per la salute. Anche se la marijuana non è riconosciuta dalla Federal Drug Administration come medicinale, il National Institutes of Health riconosce che le sostanze chimiche derivate dalla pianta possono aiutare ad aumentare l’appetito, diminuire il dolore, l’infiammazione e la nausea. Il NIH riconosce anche che tali derivati possono essere utili nel trattamento di alcune malattie mentali e dipendenze e alcuni studi hanno dimostrato che potrebbe essere un’arma contro la dipendenza da oppiacei.

Gli studi clinici promettono di trovare più benefici terapeutici e possibili trattamenti. Quindi possedere scorte di marijuana solleva le stesse questioni etiche di possedere scorte in un’azienda produttrice di alcol o tabacco – o sono più simili a scorte farmaceutiche?

Ci sono aree grigie negli investimenti socialmente responsabili. Non tutti gli investitori socialmente consapevoli hanno gli stessi valori e non tutte le società creano uguali quantità di bene. Penso che qualsiasi investitore socialmente responsabile dovrebbe stare lontano dalle riserve di marijuana ricreative a causa del potenziale di dipendenza associato ad altri rischi per la salute.

Le scorte di marijuana medica, d’altra parte, sembrano avere più benefici che danni. Se utilizzati per motivi medici, i benefici terapeutici sembrano superare i rischi per la salute. Per questo, gli investitori socialmente responsabili dovrebbero sentirsi liberi di includere uno stock di marijuana medica nei loro portafogli se si allinea ai loro valori.

 

 

Traduzione e sintesi dell’articolo ‘Should investors buy marijuana stocks?’ di Sandra Woien dell’Arizona State University per ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->