martedì, Ottobre 26

Cannabis: Amazon appoggia ufficialmente la legalizzazione Rassegna stampa canapa e cannabis nelle testate estere dal 31 maggio al 4 giugno

0

Amazon afferma ufficialmente di appoggiare la campagna volta alla legalizzazione della cannabis ed aggiunge anche che non saranno più applicati i test sulla cannabis per alcune specifiche mansioni all’interno del proprio apparato economico-produttivo. E i titoli della cannabis, a livello mondiale, si impennano e dimostrano, così, di subire un effetto grandemente benefico ai fini delle loro quotazioni in Borsa. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, i prodotti alimentari a base di canapa appariranno più spesso nelle principali pubblicità dei supermercati nel 2021. Il carbonio è diventata la più grande parola d’ordine in agricoltura negli ultimi mesi, poiché il potenziale per pagare gli agricoltori per sequestrare il carbonio attraverso una gestione del territorio responsabile dal punto di vista ambientale diventa più probabile a seguito della reiscrizione degli Stati Uniti in un trattato internazionale sui cambiamenti climatici. La Corte Suprema dell’Arizona ha lanciato un nuovo sito Web per aiutare le persone a determinare se sono idonee a far cancellare i propri precedenti penali relativi alla cannabis per reati inclusi nella legge sulla legalizzazione approvata dagli elettori dello stato del 2020.

 

Stati Uniti

Amazon sostiene la legalizzazione della marijuana, abbandona i test per cannabis per alcune mansioni lavorative specifiche

Amazon.com Inc (AMZN.O) ha dichiarato martedì scorso di sostenere una proposta di legge degli Stati Uniti per legalizzare la cannabis a livello federale e abbandonerà i requisiti per il test delle infestanti per alcune assunzioni.

Il team di politica pubblica della società di e-commerce sosterrà attivamente il Marijuana Opportunity Reinvestment and Expungement Act of 2021 (MORE Act), che cerca di legalizzare la marijuana a livello federale, ha affermato il suo capo dei consumatori Dave Clark in un post sul blog.

Inoltre, Amazon non esaminerà più i suoi candidati per l’uso di marijuana per posizioni non regolamentate dal Dipartimento dei Trasporti, ha poi aggiunto lo stesso Clark.

Mentre molti Stati degli Stati Uniti hanno legalizzato l’uso della marijuana, i datori di lavoro hanno finora ampiamente rifiutato di lavorare con l’industria poiché la cannabis è ancora una sostanza classificata a livello federale.

«In passato, come molti datori di lavoro, abbiamo squalificato le persone dal lavoro in Amazon se risultavano positive all’uso di marijuana», ha detto Clark. «Tuttavia, dato che le leggi statali si stanno muovendo negli Stati Uniti, abbiamo cambiato rotta».

Amazon è stata colpita da una proposta di azione legale collettiva, secondo la quale la società stava violando una legge di New York City testando i candidati per i lavori presso le strutture locali per la marijuana, secondo un rapporto di Westlaw.

La società non consente la vendita di marijuana sulla sua piattaforma.

Amazon ha anche affermato che sta modificando il suo strumento di monitoraggio della produttività dei lavoratori, “Time off Task“.

«A partire da oggi, stiamo calcolando la media dei tempi di inattività su un periodo più lungo per garantire che ci sia più segnale e meno rumore, rafforzando l’intento originale del programma», ha affermato Clark.

 

Stati Uniti

Le azioni della cannabis aumentano dopo che Amazon ha approvato la legalizzazione

Mercoledì le azioni di cannabis sono state scambiate ampiamente in rialzo, dopo che il colosso dell’e-commerce Amazon.com Inc. ha effettivamente approvato il settore dicendo che sosterrà la legalizzazione federale della marijuana.

L’exchange-traded fund THCX è salito del 4,2% per chiudere a 18,08 dollari, mentre l’ETF MJ Alternative Harvest ETFMG è salito del 3,4% a 21,62 dollari.

Tra i titoli più attivi, le azioni quotate negli Stati Uniti di TilrayInc. TLRY CA:TLRY sono aumentate dell’11,9%, Aurora Cannabis Inc. ACB CA:ACB è salito del 7,8% e Cronos Group Inc. CRON CA:CRON è cresciuto dell’8,7%.

Il titolo CGC CA: WEED di Canopy Growth Corp. è aumentato del 5,4%. Il rally arriva il giorno dopo che è sceso del 6,9% sulla scia dei risultati fiscali del quarto trimestre, in cui la società con sede in Canada ha registrato una perdita più ampia del previsto e ricavi che sono aumentati meno del previsto.

Il settore ha avuto una spinta dopo che Amazon ha dichiarato martedì scorso che non esaminerà più i potenziali dipendenti per la marijuana per posizioni non regolamentate dal Dipartimento dei trasporti. Invece, la società ha affermato che tratterà la marijuana allo stesso modo dell’uso di alcol.

«E poiché sappiamo che il problema è più grande di Amazon, il nostro team di politiche pubbliche sosterrà attivamente il Marijuana Opportunity and Reinvestment and Expungement Act of 2021 (MORE Act) – legislazione federale che legalizzerebbe la marijuana a livello federale, eliminerebbe i precedenti penali e investire nelle comunità interessate», ha scritto Dave Clark, amministratore delegato di Worldwide Consumer di Amazon, in un post sul blog.

 

Stati Uniti

I grandi negozi di alimentari che dedicano sempre più spazio pubblicitario ai prodotti alimentari a base di canapa nel 2021

Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, i prodotti alimentari a base di canapa appariranno più spesso nelle principali pubblicità dei supermercati nel 2021.

Il numero di annunci con proteine ​​della canapa, olio e semi sgusciati è quintuplicato rispetto a questo periodo dell’anno scorso.

Nell’aprile 2020, l’USDA ha iniziato a monitorare il prezzo al dettaglio pubblicizzato di prodotti selezionati a base di cereali pubblicati in circolari settimanali dai principali supermercati al dettaglio.

Il National Retail Report for Specialty Crops, che monitora anche frutta, verdura, erbe e piante ornamentali, pubblica ogni settimana il numero di annunci con prodotti alimentari a base di canapa e il prezzo pubblicizzato.

La canapa si unisce a centinaia di altri prodotti tracciati dall’USDA, inclusi prodotti di base come latticini, uova e carne.

I rapporti al dettaglio dell’USDA si concentrano sulle offerte speciali pubblicizzate che compaiono nei volantini settimanali, non sui prezzi di tutti i giorni.

L’agenzia monitora i prezzi pubblicati in circa 300.000 annunci di supermercati negli Stati Uniti.

La scorsa settimana, 1.200 annunci di supermercati presentavano prodotti alimentari a base di canapa tracciati dall’USDA, un calo del 27% rispetto alla settimana precedente ma un aumento di quasi il 400% rispetto alla stessa settimana del 2020.

Per quanto riguarda il 2021, il numero di annunci che menzionano i prodotti di canapa finora ha raggiunto il picco a fine aprile a 2.452.

Questo è stato un aumento sostanziale da aprile 2020, quando le menzioni di prodotti a base di canapa erano solo da 200 a 400.

I numeri bassi sono stati probabilmente causati da un calo generale della pubblicità nei supermercati a causa dell’impatto dell’epidemia di COVID-19.

Febbraio è stato anche un mese forte nel 2021 con 2.219 menzioni di annunci durante la sola settimana del 26 febbraio.

 

Stati Uniti

Lavorando nel settore del carbonio: una guida per i produttori di cannabis

Il carbonio è un prodotto caldo, letteralmente.

Ed è diventata la più grande parola d’ordine in agricoltura negli ultimi mesi, poiché il potenziale per pagare gli agricoltori per sequestrare il carbonio attraverso una gestione del territorio responsabile dal punto di vista ambientale diventa più probabile a seguito della reiscrizione degli Stati Uniti in un trattato internazionale sui cambiamenti climatici e del mercato del carbonio proposto dal presidente Joe Biden per pagare gli agricoltori.

Ma perché il mercato del carbonio è così caldo in questo momento e come possono iniziare gli agricoltori?

Il potenziale per i pagamenti del carbonio ha un interesse speciale per gli agricoltori che coltivano canapa, che secondo quanto riferito divora carbonio a un tasso di 6 tonnellate per acro, secondo l’Associazione Europea della Canapa Industriale, e può svolgere un ruolo chiave nell’agricoltura rigenerativa e nella bonifica del suolo.

(Anche la marijuana sequestra il carbonio ma il divieto federale rende la coltivazione del carbonio una prospettiva a lungo termine all’orizzonte per i coltivatori di cannabis ad alto contenuto di THC.)

Le soluzioni basate sulla natura occupano un posto di rilievo nell’obiettivo del trattato di ridurre sostanzialmente le emissioni di gas serra e limitare il riscaldamento globale a 1,5-2 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali entro il 2100.

È quanto afferma Chandler Van Voorhis, co-fondatore e managing partner di Acre Investment Management e della sua controllata Green Trees, uno dei più grandi progetti di riforestazione al mondo, che di recente ha parlato dei mercati del carbonio al National Agricultural Law Center dell’Università dell’Arkansas.

Sulla base delle politiche attuali, la Terra è sulla buona strada per un riscaldamento globale di 3,5 gradi Celsius entro il 2100, anche tenendo conto degli impegni del governo, secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2020.

Di conseguenza, quasi 2.000 aziende hanno assunto impegni a zero emissioni di carbonio entro il 2030 o il 2050.

Secondo Van Voorhis, ci sono alcuni modi per raggiungere questo obiettivo:

• Eliminare i combustibili fossili e acquistare energia rinnovabile per ridurre le emissioni in futuro.

• Acquistare compensazioni di carbonio o investire nella rimozione del carbonio per riparare e “ricalibrare” l’atmosfera.

La “tecnologia della natura” è l’unica opzione scalabile per effettuare e sequestrare grandi pezzi di carbonio in modo conveniente, ha affermato.

Aziende mainstream che cercano compensazioni di carbonio

Il trenta percento di tutto il capitale investito a Wall Street è ora sottoposto a screening sociale e ambientale, pari a trilioni di dollari, ha affermato Van Voorhis. Gli azionisti stanno guidando la tendenza, con i due terzi di tutte le delibere degli azionisti sull’ambiente.

L’inviato delle Nazioni Unite ed ex capo della Banca d’Inghilterra Mark Carney ha chiesto vasti aumenti nei mercati volontari del carbonio, aumentando i crediti di compensazione del carbonio di un fattore 15 entro il 2030 e di 100 volte entro il 2050, il che amplierebbe il mercato da $ 300 milioni fino a 100 miliardi di dollari all’anno.

Ma i detrattori dei mercati del carbonio li chiamano una copertura per le aziende che preferiscono acquistare crediti piuttosto che ridurre le proprie emissioni.

L’intero mercato globale del carbonio nel 2020 era di soli 100 milioni di tonnellate, il che richiedeva un’espansione significativa per soddisfare la domanda di rimozione del carbonio.

«Questo non accade dall’oggi al domani, accade una conversazione di proprietario terriero alla volta e un acro alla volta», ha detto Van Voorhis.

L’agricoltura svolgerà un ruolo significativo nel sequestro del carbonio, ma i tre principali registri volontari del carbonio – American Carbon Registry, Climate Action Reserve e Verra – stanno ancora lavorando per sviluppare metodologie per i crediti di carbonio agricoli.

«L’agricoltura presenta alcune sfide che la silvicoltura non ha, come la facilità di invertire (il rilascio di) carbonio se vengono utilizzate pratiche come la lavorazione del terreno», ha affermato Van Voorhis.

Collegare venditori e acquirenti

Oltre a produrre colture di base, i proprietari terrieri possono anche essere pagati per il sequestro del carbonio e la conservazione delle risorse naturali. Ma non è un processo semplice, ha affermato Van Voorhis, il cui progetto Green Treesrappresenta 600 proprietari terrieri per un totale di 130.000 acri.

«Nessuno di quei proprietari terrieri potrebbe entrare da solo nel mercato del carbonio e sostenere quel costo (di verifica)», ha detto Van Voorhis.

Lavorare con un amministratore del progetto aiuta a compensare il costo della collaborazione con i registri del carbonio.

Aiuta anche i proprietari terrieri a gestire le proprie risorse, accumulando punti di valore in modo che possano essere pagati per i loro raccolti, oltre al carbonio immagazzinato nel loro suolo. Gli amministratori identificano crediti d’imposta, programmi di conservazione e pagamenti dell’acqua per l’utilizzo di pratiche rigenerative per migliorare la ritenzione idrica sulla proprietà.

«La chiave è ottimizzare più punti di reddito, non massimizzarne uno e sacrificarne un altro», ha affermato Van Voorhis.

I produttori possono trovare e confrontare progetti e programmi volontari di compensazione del carbonio cercando nei registri e facendo riferimento al programma di ricerca e istruzione sulla compensazione di carbonio, un’iniziativa del Greenhouse Gas Management Institute e dello Stockholm Environment Institute.

Aggregando terreni attraverso partnership con proprietari terrieri, gli amministratori del progetto catturano l’attenzione di grandi acquirenti come Duke Energy, Shell, Microsoft e Bank of America.

«I mercati avvengono attraverso le partnership“, ha detto. “Gli acquirenti cercano milioni di tonnellate, quindi un proprietario terriero con 100 acri che genera 200 tonnellate di carbonio all’anno – è difficile attirare l’attenzione degli acquirenti».

Rendere il carbonio transazionale

Ogni registro del carbonio ospita una serie di standard e metodologie per tipi di progetti come la riforestazione o l’agricoltura.

Alcune considerazioni includono:

• Permanenza – il valore temporale in anni dal momento in cui il carbonio viene sequestrato.

• Baseline: determinare dove il proprietario terriero inizia a contare il suo carbonio e quanto carbonio monetizzare o tenere in riserva. Una volta che il carbonio è stato monetizzato, il proprietario terriero deve garantire che il carbonio rimarrà nel terreno per un periodo di tempo determinato dal registro.

• Addizionalità: si riferisce all’impatto netto del progetto.

• Perdita: si considerino le detrazioni, ad esempio utilizzando fertilizzanti e controlli convenzionali rispetto a modifiche biologiche o organiche.

I progetti di carbonio gestiscono il processo per conto dei proprietari terrieri, iniziando con la misurazione della terra del proprietario terriero e calcolando e convertendo i dati di misurazione in carbonio.

Successivamente, un verificatore di terze parti conduce una verifica del terreno, che può richiedere da sei a nove mesi per essere completata, ha affermato Van Voorhis.

Una volta completata la verifica, il verificatore invia un rapporto al registro. Dopo l’approvazione, il registro emetterà tonnellate serializzate nell’account del progetto.

«A quel punto, abbiamo una merce che possiamo quindi negoziare», ha detto Van Voorhis.

Sviluppi politici

Per soddisfare la domanda di soluzioni basate sulla natura per fornire da 8 a 10 miliardi di tonnellate di carbonio all’anno entro il 2030, ha affermato Van Voorhis, sarebbe utile se il governo federale creasse un’assicurazione federale sul carbonio.

Inoltre, uno sforzo per incoraggiare il governo ad espandere la definizione di crediti d’imposta per il sequestro del carbonio 45Q per includere il sequestro biologico e renderli commerciabili e trasferibili «potrebbe avere gambe per l’agricoltura», ha affermato Van Voorhis.

A causa delle complessità legate alla permanenza e alle perdite in agricoltura, Van Voorhis ha affermato che i crediti d’imposta sarebbero una soluzione scalabile che «supera molti dei problemi della navigazione nei mercati del carbonio», creando incentivi annuali per i proprietari terrieri per sequestrare e vendere carbonio.

«Dobbiamo inquadrare la proposta di valore della natura … e se possiamo farlo, possiamo creare questi nuovi flussi di reddito per l’agricoltura e la silvicoltura in modi che cambieranno dinamicamente il modo in cui gestisci la tua terra e miglioreranno la diversità del flusso di cassa che entra nei tuoi possedimenti».

 

Stati Uniti

Come mitigare muffe e microbi nei prodotti a base di cannabis estratti

Tre parole che possono rovinare il giorno, la settimana, il mese, forse anche l’anno di un produttore di cannabis: muffa e microbi.

I prodotti estratti di canapa e marijuana che sono stati maneggiati e conservati in modo improprio sono suscettibili a una serie di contaminanti che possono rovinare l’intero lotto.

Suggerimenti per ridurre la possibilità di materiale dannoso da muffe e microbi includono:

• Utilizzo di passaggi nel processo a base di solvente per aiutare a rimuovere i contaminanti.

• Mantenendo l’umidità fuori in tutte le fasi.

• Stoccaggio del prodotto finito in contenitori ermetici.

• Testare e conservare adeguatamente la materia prima dell’estrazione.

I microrganismi indesiderati non solo degradano il materiale, ma secernono anche tossine, secondo Andras Gaspar, chief product officer di RotaChrom Technologies, una società di tecnologia di cromatografia con sede a Budapest, in Ungheria, che lavora con il mercato internazionale della canapa.

«Tale materiale esposto è condannato allo smaltimento e persino considerato come rifiuto pericoloso», ha scritto Gaspar in un’e-mail a Hemp Industry Daily.

«Per essere in grado di rimediare a un estratto inquinato, è necessario considerare non solo le tossine e altri potenziali metaboliti pericolosi, ma anche il microbo stesso che deve essere rimosso dal materiale».

“Passaggi killer”

Il processo di estrazione a base di solvente ha una serie di fasi che possono aiutare a rimuovere la contaminazione dal materiale.

Quinn Shiskin, direttore dei prodotti e dell’innovazione presso The Valens Co., un produttore di prodotti a base di cannabis con sede a Kelowna, nella Columbia Britannica, li chiama “passaggi killer“.

Il primo consiste nell’utilizzare le radiazioni per rimuovere i contaminanti dalla materia, prima che passi alla lavorazione.

Shiskin consiglia di trovare un fornitore di terze parti per questo passaggio. Ci sono molte aziende là fuori che lo fanno anche per l’industria alimentare.

Secondo Shiskin, le radiazioni non degradano il contenuto di THC, CBD o terpeni.

Il passaggio successivo dipende dal tipo di solvente utilizzato nel processo di estrazione. L’etanolo, ad esempio, aiuterà a rimuovere eventuali muffe o microbi.

L’inverno è un altro passo decisivo. A Valens, il prodotto estratto viene refrigerato a temperature fino a -80 gradi Celsius per 24-48 ore.

Per creare distillato dal petrolio greggio, il materiale passa attraverso un altro processo che surriscalda l’olio. «Ciò aiuterebbe a garantire la pulizia della resina», ha affermato Shiskin.

L’umidità è il nemico

Per Craig Henderson, CEO di Extract Labs, un produttore di CBD derivato dalla canapa a Boulder, in Colorado, prevenire muffe e microbi nei suoi prodotti è semplice come rimuovere l’acqua in eccesso.

«Ho visto persone estrarre l’estratto grezzo dalla macchina con dentro l’acqua», ha detto.

Questo è un modo infallibile per sviluppare muffe e funghi.

L’attività di Henderson utilizza idrocarburi e CO2 come solventi per l’estrazione. Il petrolio greggio viene cotto a temperature abbastanza alte da uccidere i contaminanti.

Il processo di svernamento utilizza anche l’alcol per rimuovere grassi e lipidi dall’olio.

Se è rimasta dell’umidità in più, l’evaporatore rotante la rimuove.

Il team di Henderson utilizza alcol isopropilico per pulire tutte le superfici e separa le zone di imballaggio ed etichettatura dalle unità di produzione.

Per quanto riguarda lo stoccaggio, Henderson conserva il prodotto estratto in barattoli di vetro sigillati al riparo dall’esposizione diretta alla luce solare in un ambiente a temperatura controllata.

Shiskin conserva il prodotto in contenitori di acciaio inossidabile con coperchi in silicone ermetici.

Buoni ingressi, buoni risultati

Un altro consiglio: tenere il materiale vegetale, che è intrinsecamente umido, immagazzinato lontano dall’area di produzione.

Alcuni affermano che è ancora possibile produrre marijuana buona e concentrata con materiale vegetale ammuffito perché il processo di estrazione rimuove le impurità.

Ma la maggior parte preferirebbe di no.

Shiskin consiglia di analizzare la biomassa in ingresso – canapa o marijuana – prima del processo di estrazione.

Prende dalla parte superiore, centrale e inferiore delle piante per ottenere un campione uniforme e rappresentativo e lo sottopone a rigorosi test analitici per il conteggio totale di lieviti e muffe, nonché una varietà di altri contaminanti.

Dan Ramsey, CEO di Natural Supply, che fornisce forniture per la coltivazione e l’estrazione all’industria della marijuana e della canapa di Grand Junction, in Colorado, concorda sul fatto che un corretto stoccaggio della materia prima è la chiave per prevenire problemi nel processo di estrazione.

I contenitori, siano essi di vetro o di plastica, dovrebbero essere delle dimensioni giuste per consentire a tutto il materiale vegetale di prendere aria. La cannabis al centro di grandi contenitori spesso non riceve abbastanza aria.

Ramsey suggerisce anche di utilizzare confezioni essiccanti che aiutano a mantenere un’umidità relativa costante dal 62% al 65%.

Per la marijuana, a Ramsey piace anche usare le borse ExHalebrevettate, progettate specificamente per far uscire l’umidità. Grandi quantità di canapa possono essere conservate in borse tote traspiranti.

Consiglia di conservare la cannabis cruda in stanze pulite, a temperatura controllata, con una buona ventilazione e deumidificazione e al riparo dalla luce solare.

«Ecco dove l’ambiente è più importante. Il Colorado è piuttosto arido», ha detto Ramsey. «In altre aree, potresti voler avere un ambiente più controllato per l’esalazione o la deumidificazione».

 

Stati Uniti

L’Arizona lancia un sito web per aiutare a cancellare i casellari giudiziari relativi a reati per cannabis

La Corte Suprema dell’Arizona ha lanciato un nuovo sito web per aiutare le persone a determinare se sono idonee a far cancellare i propri precedenti penali relativi alla cannabis.

La Corte Suprema dell’Arizona ha lanciato un nuovo sito Web per aiutare le persone a determinare se sono idonee a far cancellare i propri precedenti penali relativi alla cannabis per reati inclusi nella legge sulla legalizzazione approvata dagli elettori dello stato del 2020, riferisce KJZZ.

Le disposizioni della proposta 207 consentono la chiusura dei casellari giudiziari per possesso, consumo o trasporto di due once e mezzo o meno di cannabis, di cui non più di 12,5 grammi erano sotto forma di concentrato; possedere, trasportare, coltivare o trattare sei o meno piante di cannabis in una residenza principale per uso personale; e il possesso, l’utilizzo o il trasporto di accessori per la coltivazione, la produzione, la lavorazione o il consumo di cannabis, secondo il sito web.

Aaron Nash, direttore delle comunicazioni per la Corte Suprema dell’Arizona, ha stimato che decine di migliaia di cittadini dell’Arizona potrebbero essere idonei a far sigillare i propri registri.

I candidati possono iniziare a compilare i moduli il 12 luglio.

Un rapporto dell’American Civil Liberties Union pubblicato lo scorso anno ha rilevato che gli ispanici della contea di Maricopa accusati di semplice possesso di cannabis sono stati condannati a pene detentive significativamente più lunghe rispetto ai loro omologhi bianchi e neri e che i neri condannati per possesso personale di armamentario di droga hanno ricevuto condanne più lunghe. rispetto ai bianchi e agli ispanici.

La contea di Maricopa ha attirato l’attenzione nazionale come centro per il razzismo istituzionale sotto la direzione dell’ex sceriffo Joe Arpaio, che è stato condannato per oltraggio criminale alla Corte dopo aver rifiutato di interrompere la profilazione razziale delle persone durante la detenzione di «individui sospettati di essere illegalmente negli Stati Uniti». Arpaio è stato graziato per quel crimine dall’ex presidente Donald Trump nel 2017.

Le vendite di cannabis per uso adulto sono iniziate nello stato a gennaio dopo che gli elettori hanno approvato le riforme nelle elezioni generali del 2020. La migrazione dalle vendite per uso medico a quella per adulti è stata di soli due mesi, la più rapida di qualsiasi Stato.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->