domenica, Aprile 18

Canale di Panama, ecco come funziona Ecco un video che mostra il funzionamento del sistema complesso messo in atto per permettere il passaggio delle navi

0

Il Canale di Panama, nonostante il raddoppio, continua ad essere dietro a quello di Suez. A dirlo sono i numeri del 2017 del Srm, il centro studi di Intesa Sanpaolo. Nei primi 9 mesi del 2017, sono transitate attraverso il canale egiziano 667,8 milioni di tonnellate di merci (+9,8% rispetto allo stesso periodo del 2016). In particolare, aumenta significativamente il traffico nella direzione Nord-Sud (+18,9%), cioè dal continente europeo all’Asia, ma è in crescita, seppure in maniera minore, anche quello nella direzione opposta (+1,4%).

Suez si mostra superiore a Panama per livelli di traffico, con un volume complessivo quasi quadruplo rispetto al canale americano, ma anche per stazza di navi e viabilità. Per Panama però ci sono comunque numeri importanti: oltre 1800 grandi navi transitate in quasi un anno. Ma soprattutto continua tra i canali la guerra delle tariffe relativamente ai transiti fra Asia e costa Est del Nord America.

Suez si afferma come grande canale mondiale da e verso il Mediterraneo, mentre Panama si afferma come grande canale panamericano. Ma come riesce a funzionare il canale di Panama? Andiamo a scoprirlo con questo video.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->