venerdì, Aprile 16

Canada: Trudeau un Premier ‘arcobaleno’

0

La aveva promesso ai suoi elettori e lo ha fatto, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha preso parte al Gay Pride tenutosi a Toronto. Una svolta nella storia del paese, all’avanguardia per i diritti LGBT, che per la prima volta nella sua storia ha visto un Premier sfilare durante la parata dell’orgoglio gay.

Il Canada è uno degli stati più all’avanguardia nel riconoscimento dei diritti alla comunità LGBT, tra i primi a legalizzare e tutelare le unioni civili tra coppie dello stesso sesso nel biennio 2003-2005, diventando il primo paese americano e il quarto a livello mondiale a concedere questa opportunità  ai suoi abitanti. Non solo in Canada è vietata la discriminazione basata sull’orientamento sessuale relativa all’occupazione, all’accesso ad alloggi, a strutture pubbliche e private, e viene punita severamente a seconda dei diversi distretti del paese. Anche l’adozione è concessa e allo stesso modo i transessuali hanno il pieno diritto di poter cambiare il proprio genere seguendo le diverse normative che disciplinano le provincie ed i territori canadesi.

Il Canada viene indicato come la nazione ‘gay friendly‘ per eccellenza e nelle città Toronto, Montreal, Vancouver e Ottawa sono ben radicati ‘gay village’ considerati dalla comunità LGBT tra i più ospitali al mondo.

 

(Fonte video tratta da canale YouTube ‘EuroNews‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->