martedì, Settembre 21

Cameron: i favorevoli #NoVoteSyria 'simpatizzanti terroristi'

0

David Cameron ha lanciato un appello ai parlamentari Conservatori per avere una maggioranza parlamentare a favore di un’azione militare in Siria e per metterli in guardia contro il voto a fianco di «Jeremy Corbyn e un gruppo di simpatizzanti del terrorismo».

Tra le preoccupazioni del Premier Downing Street i ‘backbench’ parlamentari laburisti in indebolimento. «Non dovreste essere succubi di lobbies politiche e delle idee esposte da Jeremy Corbyn o di  un gruppo di simpatizzanti del terrorismo», il commento di Cameron. Jeremy Corbyn aveva affermato infatti che David Cameron non aveva dimostrati gli effetti positivi dei bombardamenti in Siria. 

Le sue osservazioni sono stati confermati da un deputato che ha partecipato alla riunione, dove si accusava Cameron di usare il suo voto non favorevole come una ‘miccia innescata e di parlare solo dopo’solo perché leader politico. Corbyn aveva chiesto ai  parlamentari laburisti di pensare alle ‘conseguenze terribili’ delle guerre in Medio Oriente nel corso degli ultimi 14 anni. «David Cameron … sa che l’opposizione è in crescita e che si oppone alla sua corsa mal congegnata per la guerra», scrive Corbyn. «Sulla pianificazione, la strategia, le truppe di terra, la diplomazia, la minaccia terroristica, i rifugiati e le vittime civili, è diventato sempre più chiaro che la proposta del primo ministro era semplicemente un avvio alla guerra» e aggiungendo: «L’approccio di Cameron è come bomba sganciata prima di  parlare».

L’attacco al primo ministro di Corbyn è stato respinto come un «insulto spregevole e disperato che svilisce il suo ufficio di politico». Un portavoce del Partito di Corbyn ha detto: «Si rende conto chiaramente che non è riuscito a convincerci per l’azione militare in Siria e l’opinione politica si sta allontanando da lui».

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘RT UK’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->