lunedì, Novembre 29

Cambiamento climatico: il mondo ha fatto più progressi di quanto si possa pensare L’analisi di Myles Allen, Direttore del Net Zero dell’University of Oxford

0

Dev’essere doloroso per Boris Johnson essere una nota a piè di pagina, specialmente una nota in francese, ma alla fine di due settimane molto lunghe, c’erano sempre solo due risultati possibili al vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow. Un tracollo in stile Copenhagen, che ha sospeso per anni l’attuazione dell’accordo di Parigi. O una nota a piè di pagina.

Un crollo non è mai stato nell’interesse di nessuno, quindi abbiamo finito con una nota a piè di pagina. Una nota lunga, una nota importante, ma pur sempre una nota. Il patto per il clima di Glasgow ha visto le regole chiarite (più o meno), più finanziamenti, soprattutto per l’adattamento (ma ancora non abbastanza), una maggiore chiarezza sugli obiettivi a lungo termine e sul trattamento delle perdite e dei danni legati al clima, e alcuni progressi (ancora inadeguati) sugli impegni a breve termine.

E se facciamo un passo indietro e guardiamo al processo decennale iniziato con la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, è importante, in particolare per gli stanchi scioperanti scolastici, rendersi conto di quanto lontano siamo arrivati.

Solo 16 anni (o, cosa più deprimente, 0,3 ) fa, nel 2005, io e il mio collega scienziato Dave Frame abbiamo tenuto un discorso sottolineando che l’obiettivo della convenzione del 1992 di stabilizzare le concentrazioni atmosferiche di gas serra – che per l’anidride carbonica significava una riduzione del 50%-80% delle emissioni globali entro il 2100 – era improbabile che fosse sufficiente per fermare il riscaldamento globale. Il riscaldamento è stato determinato principalmente dalle emissioni cumulative di anidride carbonica, quindi per arrestare il riscaldamento avremmo bisogno di ridurre le emissioni annuali di CO₂ a zero.

Più tardi, nel 2005, abbiamo anche fornito una stima approssimativa del “bilancio del carbonio”, o la quantità che potremmo scaricare nell’atmosfera dalla combustione di combustibili fossili durante l’intera epoca industriale prima di portare le temperature globali oltre i 2°C: un trilione di tonnellate di carbonio, che equivale a 3,7 trilioni di tonnellate di CO₂. L’ultima stima che combina le emissioni future storiche e consentite dal budget globale del carbonio del 2021 è di 3,74 trilioni di tonnellate di CO₂.

Per essere onesti, Dave e io eravamo troppo ottimisti in quanto non abbiamo tenuto conto dell’indebolimento dei pozzi di carbonio man mano che i terreni si riscaldano e gli incendi boschivi diventano più frequenti. Pensavamo che limitare le emissioni di combustibili fossili a quel trilione di tonnellate sarebbe stato sufficiente per 2°C.

Ma quando abbiamo risolto tutto questo e pubblicato il risultato nel 2009, insieme a molti altri gruppi che hanno tratto conclusioni simili, era chiaro che avremmo dovuto limitare tutte le emissioni di CO₂, comprese quelle dovute alla deforestazione e non solo ai combustibili fossili, a circa un trilioni di tonnellate di carbonio per limitare il riscaldamento a 2°C. E questa rimane la stima oggi, anche se continuiamo a consumare questo budget totale ogni anno in cui le emissioni continuano.

Non perché questi primi gruppi fossero particolarmente intelligenti o previdenti. È perché il problema si è rivelato semplice. La cosa più sorprendente della ricerca su come le temperature globali rispondono alle emissioni di gas serra è il numero ridotto di sorprese. Le temperature globali continuano ad aumentare, decennio dopo decennio, più o meno esattamente come previsto alla fine degli anni ’70.

E la semplicità di quella risposta deve essere un fattore nel modo in cui le conversazioni al vertice annuale sul clima delle Nazioni Unite sono andate avanti. Alla COP10 del 2003, la prima a cui ho partecipato, c’erano giovani americani elegantemente vestiti che andavano in giro a coppie distribuendo volantini che spiegavano come l’influenza umana non fosse dimostrata e il carbone fosse il carburante del futuro.

Il mondo è cambiato e mi chiedo quanti di quei giovani uomini (erano tutti uomini) siano tornati alla COP26 come responsabili della sostenibilità delle principali multinazionali o portando le loro figlie alle marce di Fridays for Future.

Il nostro discorso del 2005 non è stato accolto particolarmente bene: “inutile” è la parola che ricordo. Questo forse non è sorprendente dal momento che il titolo della conferenza era “Stabilizzazione 2005”, e ci lamentavamo che gli obiettivi di stabilizzazione fossero fuori luogo.

Le emissioni cumulative dalla preindustriale avevano appena superato mezzo trilione di tonnellate all’epoca, quindi le persone erano preoccupate che il messaggio sembrava essere: “Rilassati, siamo solo a metà strada”. Bene, ora siamo oltre i due terzi del percorso.

Probabilità ragionevoli di 2°C

Ma se (ed è un grande se) i paesi riusciranno a onorare gli impegni presi da Parigi, soprattutto la dichiarazione di neutralità del carbonio della Cina entro il 2060 e lo zero netto dell’India entro il 2070, anche se le gravi riduzioni globali non inizieranno fino a dopo il 2030 , risparmieremmo (solo) la miliardesima tonnellata di carbonio.

Questo ci darebbe, a seconda di cosa succede alle altre emissioni, ragionevoli probabilità di limitare il riscaldamento globale a 2°C. Parlando alla COP18 di Doha nel 2012 (la prossima COP a cui ho partecipato, alla quale l’idea dello zero netto era ancora vista come un po’ radicale), non mi sarei aspettato di poterlo scrivere nel 2021.

Certo, non è abbastanza, perché mentre le temperature globali hanno risposto alle emissioni più o meno come previsto, gli impatti climatici associati anche al livello di riscaldamento odierno, quando superiamo 1,2°C, si sono rivelati molto peggiori di quanto avremmo previsto nel 2005 Queste sono state le sgradite sorprese.

Così il mondo ha deciso a Parigi nel 2015 che 2°C chiaramente non era “sicuro”, e dovremmo invece puntare a limitare il riscaldamento a 1,5°C. Ed è qui che il patto di Glasgow fallisce.

Abbiamo fatto progressi nel riconoscere dove vogliamo arrivare, non come ci arriveremo, ancora meno prove concrete che abbiamo iniziato. Le nazioni potevano solo accettare di “ridurre gradualmente”, non di “eliminare gradualmente”, l’uso ininterrotto dell’energia dal carbone e sussidi inefficienti per i combustibili fossili. Questo è un accordo per rallentare, non per fermarsi.

Almeno hanno accettato di menzionare per la prima volta i combustibili fossili in un accordo delle Nazioni Unite sul clima. In un momento in cui l’industria è tornata a fare profitti record, chiaramente deve essere portata (calciando e urlando o meno) nella tenda e fatta fare la sua parte nella soluzione, e non solo lasciarla continuare a vendere il prodotto che sta causando il problema, ancor meno ricevendo sovvenzioni per farlo.

Proprio perché l’anidride carbonica si accumula nel sistema climatico, le riduzioni precoci contano. È proprio come lo spazio di frenata: prima si frena (riscaldamento globale lento), più breve è lo spazio di arresto (riscaldamento di picco inferiore). E non sappiamo nemmeno come funzionano i freni.

La più grande incertezza di tutte, e di cui non parlano molto nelle riunioni della COP, è che finché non inizieremo effettivamente a ridurre le emissioni globali, non scopriremo quanto sarà difficile o facile. Una volta che abbiamo effettivamente iniziato, le transizioni spesso si rivelano non così costose o traumatiche come si temeva. Potremmo essere di nuovo sorpresi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->