lunedì, Ottobre 18

Calze e collant: aumentano le vendite per i canali online L’e-commerce rimane un punto di riferimento per tanti utenti, che coniugano il piacere e la praticità dello shopping online all’acquisto di indumenti sempre utili e alla moda

0

L’e-commerce è decisamente una realtà: molte sono le persone che preferiscono acquistare online, perché più pratico e veloce. Non è necessario adeguarsi agli orari di un negozio fisico, non occorre trovare la mezza giornata libera da dedicare allo shopping, mezza giornata che non è sempre facile da incastrare tra gli impegni di lavoro e le incombenze della vita di ogni giorno. Dovunque ci si trovi e in ogni momento, con una connessione, nell’arco di qualche click si può scegliere, approfondire e acquistare. Da questa rivoluzione non è esente il settore dell’abbigliamento, dell’intimo e delle calze.

I dati sulle vendite online

Per capire la vivacità del mercato online di calze e collant basta osservare i dati recenti messi a disposizione dalla rilevazione mensile Fashion Consumer Panel. 2020, i primi nove mesi: l’e-commerce ha inciso, sul fatturato di abbigliamento intimo e calze, per il 16% e il dato è raddoppiato rispetto al 2019. Anche per influenza del momento storico, nel gennaio/febbraio le vendite online relative al settore registravano l’8,6%, mentre da marzo a maggio c’è stato un boom, che ha raggiunto il 37%. Nel periodo giugno-settembre si era sul 12,9%.

L’e-commerce di calze e collant rimane un punto di riferimento per tanti utenti, che coniugano il piacere e la praticità dello shopping online all’acquisto di indumenti sempre utili e alla moda. Comprare calze online è semplice, l’importante è affidarsi a portali specializzati come, ad esempio, il sito ufficiale di Calzitaly dove trovare numerosi modelli di calze e collant pensati per valorizzare qualsiasi tipologia di outfit. Dalla collezione curvy alla linea benessere, passando per i prodotti sposa e quelli eco-friendly, una volta scelto il prodotto desiderato basta aggiungere al carrello. Ci sono anche sezioni dedicate a uomini e bambini.

Consigli per la scelta della calza

Comprare calze e collant online non è difficile. Ci sono, poi, alcune piccole regole che è bene seguire per un’esperienza di shopping soddisfacente e pratica. Naturalmente, occorre fare attenzione alla taglia. Ci sono almeno quattro metodi, ovvero quello europeo, quello inglese, quello americano e la misura in centimetri. Il sistema europeo risulta chiaramente più pratico per un utente italiano. Si faccia caso se sul sito di e-commerce a cui ci si rivolge è presente una size guide e una tabella riepilogativa che offre uno sguardo sinottico sui vari valori delle taglie.

Inoltre, si presti attenzione al colore: non ci si fermi a quello dell’anteprima prodotto ma si controlli, leggendo i dettagli nella scheda dell’articolo di interesse, quali sono le tinte disponibili. La denaratura, espressa in den, indica il grado di velatezza della calza. Si guardino anche i materiali e le indicazioni per il lavaggio. Alcune info essenziali, come den e prezzo, vengono riportate dall’anteprima prodotto, ad apertura della sezione di interesse del catalogo; per approfondire, basta cliccare sull’articolo.

Consigli per le procedure di acquisto

Oltre a prestare attenzione alle informazioni relative al prodotto di per sé, è bene chiaramente andarsi a vedere i dettagli sulle procedure di ordine e consegna. Si leggano le condizioni di vendita dell’azienda di e-commerce a cui ci si rivolge: le modalità di evasione dell’ordine e se ci sono limiti alla quantità di articoli ordinabili, le modalità di pagamento e il servizio di consegna, il diritto di recesso e la politica sui resi.

Può essere conveniente notare se c’è un’area del sito dedicata a saldi o promozioni e si guardi se c’è un tetto di spesa oltre il quale la spedizione diventa gratuita: se ne può approfittare, aggiungendo eventualmente qualche articolo in più. Prima di dare l’ok per l’ordine, è bene ricontrollare i dati. Si verifichi magari il contenuto del carrello e si veda se non si vuole togliere o aggiungere qualcosa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->