sabato, Ottobre 16

California: il sì a piano stoccaggio nucleare

0

La Commissione della California Costiera (CCC), presieduta da Steve Kinsey, sembra pronta a dare l’approvazione definitiva al piano di stoccaggio dei rifiuti radioattivi. Ma Donna Gilmore, fondatrice di ‘SanOnofreSafety.org‘, ribadisce, dopo un primo e documentato intervento fatto nei giorni scorsi sullo stesso tema di dibattito, che sarebbe una scelta viziata e irresponsabile per San Onofre, e che potrebbe comportare una ricaduta sulla stessa sicurezza degli impianti ad energia nucleare di tutto il paese. In particolare, la Commissione ha votato a favore per rilasciare una autorizzazione di durata ventennale per installare il sistema di stoccaggio dei rifiuti nucleari sperimentale a San Onofre. Sistema che va sotto il nome di Holtec UMAX. Ma ci sarebbero un certo numero di condizioni speciali da soddisfare, prima dell’autorizzazione. Secondo Gilmore non sussisterebbero ancora le condizioni per un rilascio di un’autorizzazione simile, a causa di alcuni dubbi sollevati sul rispetto di certi requisiti tecnici che dovrebbero possedere le taniche. La tecnologia prevista nel piano di stoccaggio non sarebbe stata ancora accreditata, e non esisterebbero piani di monitoraggio. Tutto questo, nel complesso, renderebbe impraticabile, e poco efficente lo stesso piano di stoccaggio o trasporto dei rifiuti nucleari. Più di 1600 tonnellate di scorie altamente radioattive giacerebbero, da anni, a San Onofre, e forse continueranno ad esserlo per un tempo indefinito, contaminando spiagge, mare, e corsi d’acqua.

(Video tratto dal canale ‘You Tube‘ del sito ‘eon3‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->