domenica, dicembre 16

California, è di nuovo caccia all’oro Le recenti piogge hanno infatti permesso di ritrovare nei fiumi discrete quantità del metallo. E molte sono le persone che sono ripartite alla caccia

0

Sembra di essere tornati ai tempi che furono. O per meglio dire all’età dei grandi pionieri. Negli Usa, in particolare in California, ha ripreso vita la caccia all’oro. Le recenti piogge hanno infatti permesso di ritrovare nei fiumi discrete quantità del metallo. E molte sono le persone che sono ripartite alla caccia, in cerca di fortuna.

California che da sempre è patria negli Usa dell’oro. Tanto che una città come Bodie, nata come centro minerario nella seconda metà dell’Ottocento, ora è tornata in vita, quantomeno per i turisti. Qui sono passati chili e chili d’oro, con un’economia talmente florida che aveva portato la città ad essere abitata anche da diecimila persone.

Con l’esaurimento dell’oro, la città di Bodie è stata rapidamente abbandonata e nel 1962 è subentrato il California Depertment of Parks and Recreation, che l’ha trasformata in un insolito State Historic Park. Un fascino misterioso che si accentua in inverno, quando la città fantasma si ricopre di neve e ghiaccio e diventa letteralmente cristallizzata. Una città della perdizione dove scorrevano fiumi di rum e di oro. Una ‘combinazione fatale’ che gli ha dato una grande fama, ma è stata anche la causa della sua dipartita.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.