mercoledì, Maggio 25

Calcio e scommesse: cosa c’è da sapere Quali sono i consigli che dovrebbe seguire chi si avvicina per la prima volta al mondo delle scommesse sportive?

0

In Italia, quando si parla di sport e di scommesse sportive, la prima cosa che viene in mente alla maggior parte delle persone è sicuramente il calcio, uno degli sport più seguiti nel nostro Paese. Oltre ad essere seguito dagli appassionati, il calcio è anche uno degli sport in cui si scommette di più. Ma quali sono i consigli che dovrebbe seguire chi si avvicina per la prima volta al mondo delle scommesse sportive?

I princìpi alla base delle scommesse di calcio

Per scommettere in modo consapevole, una delle cose più importanti è sicuramente quella di essere bene a conoscenza dell’andamento del mondo del calcio e di monitorare in modo piuttosto costante gli esiti e i pronostici delle partite. Consultando un buon sito scommesse di calcio, ad esempio, è possibile verificare i risultati delle ultime partite e le quote aggiornate in base all’andamento della stagione calcistica. Inoltre, è anche possibile consultare le sezioni dedicate a competizioni come la Coppa Italiana e la Supercoppa Italiana o competizioni internazionali come l’Europa League e la Champions League.

Fondamentale è anche conoscere le diverse opzioni disponibili per le scommesse e le strategie da applicare: di solito, ad esempio, la squadra che gioca in casa ha più possibilità di vincere perché si trova a giocare in un ambiente familiare e non si trova a dover subire il peso della trasferta. Oltre a questo, c’è anche da considerare che è solitamente sconveniente scommettere sempre sulle squadre che giocano in casa o sulla stessa squadra, perché è molto improbabile ottenere buoni risultati scommettendo sempre sullo stesso risultato. Prima di scommettere, in sostanza, è importante imparare a fare delle valutazioni accurate, optando magari per delle scommesse più sicure all’inizio.

Quanti tipi di scommesse esistono?

Oltre a sviluppare una propria strategia e a leggere i pronostici, è anche importante conoscere le diverse tipologie di scommesse che si possono fare. Una delle più conosciute è la scommessa sul risultato: in questo caso, 1 indica la vittoria della squadra che gioca in casa, 2 la vittoria della squadra ospite e X il pareggio. Un altro tipo di scommessa che non prevede rischi alti è la cosiddetta ‘Double Chance’: in questo modo si può scommettere su due risultati diversi, per esempio su una vittoria e su un pareggio. In questo modo, le probabilità di vincita raddoppiano, anche se i margini di guadagno sono chiaramente più bassi.

Tra le scommesse un po’ più rischiose, invece, ci sono quelle sul risultato esatto o quelle con handicap: mentre nel primo caso bisogna riuscire a prevedere l’esito esatto della partita, nel secondo caso si può dare uno svantaggio o un vantaggio ipotetico a una delle due squadre. Per fare un esempio, si può ipotizzare che una squadra vinca con almeno due gol.

In ogni caso, a prescindere dalla propria strategia, scommettere sulle partite di calcio è anche un modo per vivere questo sport in modo più partecipativo, per parlare delle partite passate e future con gli altri tifosi e per vivere con trasporto ancora maggiore la visione delle partite e dei campionati.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->