giovedì, Ottobre 28

C919, ecco il primo aereo di linea della Cina

0

Ha fatto il suo debutto, partendo dall’aeroporto Pudong di Shanghai, il C919, il primo aereo commerciale prodotto dalla Cina. Un colpo davvero importante quello messo a segno da Pechino, che vuole entrare nel mercato mondiale dell’aviazione civile. Il C919 è la risposta di Pechino al Boeing 737 e all’Airbus 320, gli aerei commerciali più usati al mondo.

L’aereo, costruito dalla compagnia statale Commercial Aircraft Corporation of China, può ospitare 168 passeggeri e coprire distanze di oltre 5mila chilometri. Diverse parti sono costruite in Europa o negli Usa, ma in sostanza si tratta di un progetto e di un successo totalmente targato Cina. Il Paese però rimane ancora indietro rispetto ai colossi che oggi dominano il mercato, ma di sicuro è un primo passo importante. Infatti la International Air Transport Association ha calcolato che nel 2024 la Cina dovrebbe superare gli Stati Uniti come più grande mercato al mondo nel trasporto aereo passeggeri.

E proprio Pechino sarà il Paese che più avrà bisogno di nuovi aerei. Si parla di almeno 6mila Airbus entro i prossimi 20 anni, per un valore di 954 miliardi di dollari. Sicuramente però lo sviluppo di questo C919 sarà importante, soprattutto nel Paese, visto che sarà impiegato dalla compagnia di bandiera China Eastern Airlines. A Shanghai però assicurano di aver già ricevuto «570 ordini da 23 compagnie», anche se sembrano essere tutte cinesi.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->