domenica, Aprile 18

Burundi: l’Europa evacua cittadini e diplomatici

0

Kampala – Nell’escalation della crisi burundese – abbiamo pubblicato ieri la prova dell’accordo tra il Governo di Pierre Nkurunziza e i terroristi ruandesi – oggi nuova svolta: il Governo belga ha deciso di invitare tutti i suoi cittadini presenti nel Paese africano a rientrare con la massima urgenza. La rappresentanza diplomatica della Unione Europea sta evacuando il personale non indispensabile.

La decisione è stata presa sulla base di una nuova valutazione dei rischi legata alla situazione che si è venuta a creare in Burundi. Stiamo riducendo il numero del personale per ridurlo a solo quello veramente indispensabile. Consideriamo la situazione a Bujumbura estremamente pericolosa e quindi abbiamo preso disposizioni per proteggere il nostro personale e le loro famiglie”, ci spiega una fonte diplomatica europea.

L’evacuazione del personale diplomatico europeo e l’invito ai cittadini belgi di lasciare il Burundi segue l’attentato alla vita della Ambasciatore tedesco a Bujumbura perpetuato dai terroristi ruandesi FDLR che indossavano uniformi della Polizia e la dura ed inequivocabile presa di posizione di Louis Michel, ex Ministro degli Esteri e Vice Primo Ministro belga, attuale Deputato Europeo e Co-Presidente della ACP-UE Joint Parliamentary Assembly, l’organo europeo che consiglia il Parlamento della Unione Europea sulla politica estera di Africa, Caraibi e Pacifico.

«Prima del dialogo burundese dobbiamo mettere sulla tavola l’usciata di scena di questo Governo che non ha rispettato gli accordi di Arusha e occupa il potere in una posizione illegale». Questo quanto pronunciato da Louis Michel durante una intervista rilasciata a ‘RTBF’ (Radio Televisione Belga per la Comunità Francese) lo scorso 10 novembre.

Secondo indiscrezioni la decisione di evacuare il personale straniero in Burundi sarebbe dettata da un imminente escalation militare capace di porre fine alla crisi senza interventi stranieri. Le nostre fonti burundesi si rifiutano di fornire altre notizie in merito.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->