sabato, Ottobre 16

Burundi: iniziati i riti satanici tribali field_506ffb1d3dbe2

0

Pubblichiamo, non dopo le opportune verifiche circa l’autenticità, sulla quale le nostre fonti garantiscono, e con qualche ritrosia, questa foto di una vittima che documenta l’inizio dei riti satanici in Burundi a opera delle FDLR.

La maggioranza dei poliziotti (addestati dal Belgio con soldi europei, italiani compresi, fino allo scroso giugno, quando il progetto è stato congelato) sono per la maggioranza ex criminali del movimento HutuPower FDD (Fronte di Difesa Democratica) l’ala militare del partito al potere coinvolta nella guerra civile (1993 – 2003). Questa è una realtà conosciuta da anni, sottolineano gli osservatori locali, ma che la l’Unione Europea ha preferito sempre ignorare.

Almeno il 40% di questi poliziotti sono terroristi ruandesi delle FDRL. Come è successo nel 1994 in Rwanda e per venti anni al est della Repubblica Democratica del Congo, anche in Burundi sono iniziati i massacri rituali delle FDLR: che consistono nel estrarre il cuore alla vittima ancora in vita. Il cuore ancora pulsante viene mangiato seguendo antico rito satanico tribale che ha due obiettivi: rendere invulnerabile i guerrieri che lo compiono e seminare terrore puro tra il nemico.

La Società Civile e i giornalisti burundesi che operano in clandestinità stanno costruendo una documentazione fotografica di questi riti satanici per sottoporla agli atti del futuro processo contro Pierre Nkurunziza e dei dirigenti CNDD-FDD responsabili di questi crimini contro l’umanità.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->