lunedì, Settembre 20

Buon Natale dal Parlamento

0
1 2


I parlamentari della Repubblica italiana si apprestano a passare un sereno e felice Natale, seguito da un divertente e festoso Capodanno. Le due Camere, Montecitorio e Palazzo Madama, hanno chiuso ieri i battenti, dopo che il Senato ha approvato con voto di fiducia la legge di Stabilità, e rimarranno serrate, rispettivamente, fino all’11 e al 12 gennaio 2016. Più di venti giorni. Proprio un bel ponte natalizio, non c’è che dire. Tra l’altro meritato, si ripetono a vicenda i nostri beneamati ‘onorevoli’ guardandosi negli occhi e scambiandosi fastosi presenti. «Questi parlamentari fanno di tutto per far arrabbiare cittadini», commenta a sorpresa il ‘vice Renzi’ sindaco di Firenze Dario Nardella.

Tra le norme contenute nella Finanziaria, quella che delinea la riforma della Rai ha sicuramente un peso specifico maggiore. Dopo la pioggia di critiche scatenata ieri dalle opposizioni, oggi tocca al sottosegretario allo Sviluppo Economico, Antonello Giacomelli (Pd), difendere a daga sguainata l’operazione di renzianizzazione della tv pubblica, architettata dal premier Matteo Renzi (o chi per lui) e affidata al braccio armato del renzianissimo direttore generale (dg) di viale Mazzini Antonio Campo Dall’Orto, pronto a trasformarsi in amministratore delegato (ad) plenipotenziario agli ordini di Palazzo Chigi.

Niente vacanze di Natale, invece, almeno per oggi, per l’ubiquo e onnipresente premier che, dopo la visita lampo in Libano, un po’ ducescamente, si è materializzato questa mattina sull’Appennino tosco-emiliano per inaugurare la Variante di valico sull’autostrada A1. «Grande emozione: finalmente si inaugura la Variante di valico», si auto sponsorizza Renzi su twitter, «non ci credeva più nessuno, ma #italiariparte». Ma queste benedette vacanze al premier italiano rischia comunque di rovinarle il fantasma del ‘comunista’ greco Yanis Varoufakis che, intervistato da ‘L’Espresso’, lo accusa di fare una falsa opposizione a Berlino. Se poi ci si mette pure ‘mister Expo’ Giuseppe Sala, novello candidato alle primarie del centrosinistra a Milano, a dire, come ha fatto su Radio Popolare, «non sono l’uomo di Renzi», il panettone rischia di andare veramente storto al ‘fenomeno di Rignano’.

Il M5S deposita una mozione di sfiducia in Senato contro il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina che sull’emergenza Xylella in Puglia ha dimostrato, scrivono i grillini, una «manifesta inidoneità».

Con un’intervista rilasciata al ‘Quotidiano Nazionale’ Silvio Berlusconi conferma per l’ennesima volta la necessità di riscendere in campo se pur controvoglia. Nel 1994, straparla il Cavaliere, si doveva combattere il pericolo comunista, ma oggi bisogna «evitare che si realizzi una prospettiva forse persino più nefasta». Il Matteo Renzi del patto del Nazareno non rappresentava il suo pupillo ideale? Ma forse il capo della morente Forza Italia ce l’ha con i grillini. Confusione senile.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->