sabato, Maggio 8

Budapest, protesta dei tassisti contro Uber BLoccate diverse vie del centro per protestare contro il servizio

0

Singolare manifestazione a Budapest (Ungheria) dei tassisti, che hanno bloccato diverse vie del centro per protestare contro Uber, il servizio di trasporto prenotabile online e con smartphone, accusato di concorrenza sleale già in diversi Paesi, compresa l’Italia. Secondo i manifestanti, i conducenti di Uber, che nel Paese nel 2015 sono passati da 200 a 1200 (con circa 80mila utenti ‘catturati’) si sottraggono alle regole, come quelle sulle licenze. «Siamo arrivati al punto che questa società chiamata Uber è diventata così forte che in pratica ci sottrae il 50-55% delle corse sul mercato dei taxi», il commento ai media di un tassista. Categoria quest’ultima che ora puntano a fare ancora la voce grossa, per farsi sentire dal Governo. Intanto è stata lanciata una petizione al sindaco di Budapest, ma non mollano e minacciano di continuare la protesta finchè Uber non sarà messo al bando.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->