venerdì, Ottobre 22

Brexit, ripresi i negoziati tra Ue e GB

0

Gran Bretagna e UE hanno ripreso ieri i negoziati per determinare le condizioni del divorzio di Londra da Bruxelles, la ormai famosa Brexit. Una volta stabilito il calendario degli incontri e dei temi da trattare, le due parti dovranno cominciare ad occuparsi dei temi più delicati. Tra questi ovviamente quello dei diritti dei cittadini.

«Ora entreremo davvero nel cuore della questione. Abbiamo bisogno di esaminare e confrontare le nostre rispettive posizioni così da compiere progressi», ha detto il capo negoziatore per l’Unione Europea, Michel Barnie. «Per noi è incredibilmente importante fare progressi. Negozieremo in questa direzione e troveremo le differenze in modo da poterle affrontare e le analogie in modo da poterle rafforzare. Ora è il momento di lavorare e di fare di questo negoziato un successo», ha detto invece il segretario per la Brexit, David Davis.

Le due squadre di negoziatori discuteranno ogni giorno fino a giovedì quando ci sarà una sessione plenaria e la conseguente conferenza stampa. Solo lì si saprà se saranno giunti a qualche accordo di massima sulla vicenda.

Ad intervenire in merito alla Brexit anche l’ex premier Tony Blair, secondo cui «la stessa Europa adesso sta esaminando il suo programma di riforme. Avranno un cerchio ristretto nella Ue che farà parte dell’eurozona e un cerchio esterno. Bruxelles farà riforme che penso renderanno molto più confortevole per la Gran Bretagna inserirsi in quel cerchio esterno». E sottolinea: «I leader europei, con certezza stando ai miei colloqui privati, vogliono prendere in considerazione cambiamenti che aiutino la Gran Bretagna, anche sulla libertà di circolazione».

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->