martedì, Settembre 21

Brexit: le tappe della separazione

0

Un voto storico lo ha definito Theresa May quello della Camera dei Comuni che, come previsto, ha abrogato i due emendamenti approvati la settimana scorsa dai Lord (sui diritti dei cittadini Ue e su un potere di veto del Parlamento) e ha approvato la legge che autorizza l’avvio dell’iter per la Brexit. Già oggi la ‘prime minister’ potrà invocare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona che dà il via ai due anni di negoziati di uscita dall’Unione.

«Farò tutto ciò che è in mio potere per assicurarmi che il Regno Unito e la Ue restino amici vicini dopo la Brexit. Le porte dell’Ue resteranno sempre aperte», ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk parlando a Strasburgo al Parlamento europeo.  Ma la Gran Bretagna ha ora a che fare anche con la Scozia, con la sua premier, leader dello Scottish National Party, che ha annunciato che chiederà la settimana prossima al parlamento di Edimburgo l’autorizzazione a reclamare l’accordo del governo britannico per lanciare un nuovo referendum sull’indipendenza. E c’è il rischio che anche l’Irlanda del Nord possa muoversi in tal senso. Ma andiamo a vedere cosa accadrà da oggi per la Gran Bretagna con l’avvio della procedura della Brexit.

(video tratti dai canali Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->