mercoledì, Aprile 14

Brexit: Gb-Spagna, alta tensione su Gibilterra

0

Neanche è cominciata la Brexit che in Europa parte subito una sfida. Per ora verbale, ovvio, ma chissà che non possa aggravarsi. parliamo di quella tra Gran Bretagna e Spagna: nel mirino GibilterraLord Howard, ex membro del governo conservatore di Margaret Thatcher e di John Major ed ex leader del partito Conservatore, ha evocato infatti una guerra in Europa per difendere Gibilterra dalle mire spagnole.

Downing Street ha ribadito che «Gibilterra sarà tenuta presente costantemente» nelle trattative, il ministro degli Esteri Boris Johnson ha riaffermato il legame inscindibile fra Londra e la Rocca.  Per poi ribadire: «La sovranità di Gibilterra non è cambiata e non cambierà senza l’esplicito sostegno e consenso della gente di Gibilterra e del Regno Unito». In realtà nessuno ha parlato di un ritorno di Gibilterra alla Spagna, ma solo che la Brexit inciderà sugli interessi della Spagna nello stretto ora controllato dai britannici. E a sostenere gli interessi di ogni singolo Paese europeo c’è, come ribadito, Bruxelles.

Il Consiglio europeo infatti ha diffuso un documento secondo il quale, nell’ambito dei negoziati per la Brexit, la Spagna potrebbe vincolare il suo consenso ad un eventuale accordo commerciale tra Londra e Bruxelles allo status futuro di Gibilterra. Madrid però, visto l’ambiente che si sta creando attorno alla vicenda, non ha perso tempo per rinfocolare gli animi: «Non ci sarà veto spagnolo all’adesione della Scozia all’Unione Europea se sarà questo l’esito di un processo legale e costituzionale» di secessione dal Regno Unito, ha detto il ministro degli Esteri Alfonso Dastis. Che poi ha rincarato la dose: «Fare paragoni con situazioni del passato come le Falkland è un po’ fuori contesto. Il governo spagnolo è un po’ sorpreso dal tono dei commenti che giungono dalla Gran Bretagna, un Paese noto per la sua compostezza».

In realtà la mossa a sorpresa della Spagna nei confronti della Scozia ha spiazzato la Gran Bretagna, che si aspettava un appoggio da Madrid, visto che anche qui la questione Catalogna sta scuotendo il Paese. Ora però tutto sembra cambiare. E chissà che da una semplice disputa commerciale non si arrivi a ben più ampi e inaspettati scenari.

(video tratto dal canale Youtube di Sky News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->