sabato, Maggio 15

Brent: ancora ribasso, ma a 28 dollari possibile rimbalzo? field_506ffbaa4a8d4

0

Settimana, quella passata, abbastanza ferma con il cambio €/$ in azione nel range 1,08 – 1,10: in pratica abbiamo osservato e non abbiamo agito (quando nelle prossime settimane prepareremo una comunicazione giornaliera sarà un trading intraday più movimentato). Anche la situazione dell’oro mi sembra incerta, mentre il petrolio continua il suo ribasso e quindi il suo ipervenduto, ma sta per finire! Noi siamo dentro in short ma rientreremo al target indicato venerdì (28€).

 

CAMBIO €/$

Come scritto in premessa è strumento in stallo su cui si dovrebbe lavorare in intraday su grafici ad un’ora, ma gli impegni editoriali me lo proibiscono per cui attendiamo la rottura a ribasso di 1,07 per vendere e la rottura di 1,106 per acquistare. Occhio sempre a qualche consiglio giornaliero tramite i commenti sotto l’articolo.

Cambio 1

 

cambio 2

 

ORO (GOLD SPOT)

Settimana in ribasso per questo strumento che potrebbe essere solo un ritracciamento per ripartire a rialzo. Infatti entreremo in acquisto a rottura a rialzo 1098, mentre venderemo con prezzi sotto 1076 (scelta più rischioso dell’acquisto comunque e forse sarebbe preferibile vendere sotto 1071).

Gold 2

 

Gold 1

 

BRENT CRUDE (OIL)

Come detto in premessa riteniamo un affondo del brent fino al nuovo minimo di 2815 per invertire la posizione che ci sembra eccessivamente in ipervenduto. Certo la chiusura sotto tale valore nella giornata di lunedì potrebbe essere il viatico per la discesa a 25$, ma siamo convinti che semmai ci arrivasse a tale supporto deve ritracciare a rialzo fino a 32-33$. Infatti la nostra operatività sarà quella di invertire la posizione a rialzo come suddetto e stop con doppia conferma sotto i 28$.

Brent 1

Brent 2

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->