venerdì, Agosto 6

Brasile, proteste in tutto il Paese pro-impeachment field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Le proteste di ieri, le prime dopo l’inizio del processo di impeachment contro il Presidente Dilma Roussef, sono avvenute in 87 città di tutti gli Stati del Paese, ma non hanno registrato la stessa partecipazione delle precedenti.

In base ai dati diffusi dalla Polizia Militare, e grazie ai comuni che hanno divulgato i propri numeri, i brasiliani che hanno preso parte alle manifestazioni sono stati 83mila. Gli atti precedenti, l’ultimo dei quali lo scorso 16 agosto, hanno registrato la presenza di 879 mila persone.

Gli stessi organizzatori hanno ammesso che l’adesione stavolta è stata minore, ma ritengono positivo il bilancio delle proteste considerando i tempi ristretti di convocazione.«Ci siamo solo riscaldati» hanno tenuto a sottolineare i leader dei gruppi promotori delle manifestazioni, «Il 13 marzo del 2016 saremo molti di più».

A San Paolo la Polizia Militare ha registrato circa 30mila persone concentrate nella via principale della città; la manifestazione precedente ne registrava 350mila. A Brasilia 6 mila contro i 30 mila della manifestazione di agosto.

In tutto il Brasile le piazze hanno chiesto l’impeachment del Presidente Roussef, ma non sono mancate le richieste di intervento militare. In diverse città i manifestanti hanno incendiato caricature plastificate della Roussef e dell’ex Presidente Lula per simbolizzare la morte del PT, il Partito dei Lavoratori, cui entrambi appartengono.

Il coordinatore del Movimento ‘Vem Pra Rua‘ (‘Scendi in piazza’) di Brasilia, Jailton Almeida, ha definito positivo il bilancio della manifestazione e promesso nuovi atti dimostrativi per il prossimo anno. L’obiettivo, ha detto, è quello di fare pressione sul Congresso e arrivare all’impeachment di Dilma Roussef. «Quello di domenica è stato un giorno molto speciale. Il popolo è sceso in piazza e lo ha fatto nonostante la convocazione fosse arrivata poco tempo prima. Dalla richiesta di impeachment alla protesta di domenica sono passati appena 7 giorni.»

Un uomo travestito da Batman è rimasto in testa al corteo di Rio de Janeiro a Copacabana per tutta la durata della manifestazione. La polizia militare non ha diffuso alcun numero sulla partecipazione carioca alla protesta, ma secondo gli organizzatori a chiedere l’impeachment di Dilma Roussef sul lungomare di Copacabana c’erano 20mila persone.

Una grande bandiera verde-oro con la scritta ‘Impeachment Jà‘, ovvero ‘Impeachment subito’, è stata distesa lungo il percorso.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->